Quantcast

Botti di Capodanno, niente divieti dal Comune

L'assessore Maramotti: "E' una tradizione plurisecolare. D'altronde tuteliamo il benessere animale 364 giorni l'anno”. In piazza Martiri oltre al concerto dell'Officina del Battagliero, il Comune prevede anche i fuochi d'artificio

REGGIO EMILIA – “La decisione assunta dal Comune di Reggio Emilia in merito ai cosiddetti ‘botti’ di Capodanno è stata quella di non adottare un’ordinanza di divieto, facendo prevalere il senso di responsabilità fino ad oggi dimostrato dai nostri concittadini, che si limitano a circoscriverne l’uso al Capodanno e ricorrono, per quanto ci consta, a materiale conforme alle norme”, spiega l’assessore a Sicurezza, Cultura della legalità e Città storica Natalia Maramotti, intervenendo sul tema dei festeggiamenti della notte di San Silvestro.

“Per il resto – aggiunge l’assessora – il regolamento di polizia locale adottato già vieta, all’articolo 17, l’uso dei botti con l’esclusione della notte di Capodanno. Tale esclusione trova la sua motivazione nella tradizione plurisecolare di dare, anche in questo modo, il benvenuto al futuro, scongiurando le avversità. Siamo al contempo certi che tutelare il benessere animale e la quiete pubblica per 364 giorni l’anno sia una scelta adeguata di civiltà e che rappresenti un giusto contemperamento tra interessi, valori e voglia di festa”.

E lo spettacolo pirotecnico, la notte dell’ultimo dell”anno, sara’ anche “istituzionale”. In piazza Martiri oltre al concerto dell’Officina del Battagliero, il Comune prevede anche i fuochi d’artificio “con un’installazione che garantisce che garantisce piena sicurezza”, precisa Maramotti. “Saluteremo l”anno nuovo con i fuochi d’artificio, uno spettacolo di pochi minuti, ma di grande suggestione, per ravvivare la tradizione e festeggiare, in senso simbolico, la luce positiva e rinnovatrice, che ci auguriamo porti il 2016″.