Aemilia, tecnici del ministero ispezionano spazi Reggio

Sopralluogo in tribunale: resta nodo organico per sicurezza

REGGIO EMILIA – Sono iniziati in questi giorni i sopralluoghi nel Tribunale di Reggio Emilia da parte dei tecnici del ministero di Giustizia, per verificare la possibilita’ di svolgere il dibattimento del processo Aemilia nella citta” del Tricolore.

Dopo l’incontro di giovedi’ scorso a Roma, alcuni incaricati del mistero hanno visitato il palazzo di giustizia sabato e questa mattina. Tra le ipotesi che si starebbero vagliando quella di schermi video installati in vari punti per poter seguire le udienze, e quella dell’informatizzazione di centinaia di fascicoli per velocizzare il lavoro di magistrati e avvocati. Come da tempo chiedono le Istituzioni cittadine le udienze potrebbero essere celebrate in una tensostruttura, che la Regione si e’ detta disponibile a finanziare.

Resta pero’ irrisolto il nodo della sicurezza, e in particolare dell’organico delle Forze dell’ordine. Su un eventuale aumento degli agenti non ci sono infatti rassicurazioni da parte del ministero.