Scontri immigrati-polizia, la Cna: “Centro storico invaso da abusivi”

La denuncia di Dino Spallanzani: "Extracomunitari scaricati dai veicoli e indirizzati ad occupare luoghi specifici della città". I giovani Padani: "La giunta deve stare al fianco dei commercianti". Pagliani: "L'amministrazione si deve svegliare"

REGGIO EMILIA – “Condividiamo la preoccupazione dei commercianti e lo sconcerto per quanto accaduto ieri in centro con gli ambulanti abusivi. Non avevamo mai assistito ad un arrivo così massiccio e organizzato”. Sono le parole di Dino Spallanzani, presidente provinciale Cna Commercio, che aggiunge: “Dei testimoni parlano addirittura di persone scaricate dai veicoli e indirizzati ad occupare luoghi specifici della città, invadendo intere zone del centro storico”.

“Come associazione – continua la presidente Cna Area Centro Annarella Ferretti – eravamo presenti con diverse iniziative tra via Roma e Via Emilia San Pietro e abbiamo vigilato e segnalato prontamente alle forze dell’ordine la presenza di abusivi. A differenza delle altre volte però, la quantità di ambulanti era tale che il massiccio dispiegamento di agenti della polizia municipale non è bastato a contrastare la loro presenza”.

“Dobbiamo prendere coscienza – sottolinea la presidente Ferretti – che si tratta di un fenomeno che danneggia tutti, non solo i commercianti ma anche i consumatori che spesso acquistano prodotti a prezzi ridotti a discapito della qualità e della sicurezza. Il rischio che dietro questa merce venduta illegalmente si nasconda la criminalità organizzata e fenomeni di racket è sempre più concreto”.

Cna è impegnata in prima linea da tempo contro l’abusivismo: nel 2014 ha lanciato una campagna di sensibilizzazione per commercianti e consumatori “Chi lavora abusivamente abusa di te” e più recentemente ha proposto alle amministrazioni comunali della provincia e alle altre associazioni di categoria la sottoscrizione di un protocollo d’intesa per prevenire e contrastare fenomeni di abusivismo, già stipulato in alcuni Comuni. “Siamo convinti che – conclude il presidente di Cna Commercio Spallanzani – un impegno reciproco tra il mondo produttivo rappresentato dalle Associazioni e le istituzioni possa essere un passo importante verso la risoluzione di una vera e propria piaga per la nostra economia”.

I giovani Padani: “Assurdo che una festa si trasformi in un ring”
Sulla vicenda interviene anche il coordinatore dei giovani padani, Matteo Melato, che scrive: “E’ veramente assurdo che una festa si trasformi in un ring dove chi sa benissimo di essere contro la legge, pretende di esercitare in maniera abusiva la vendita di capi per la maggior parte di dubbia provenienza o falsi”.

Aggiunge Melato: “In serata polizia municipale, carabinieri, guardia di finanza erano impiegati per fronteggiare un esercito di abusivi che correvano in mezzo alla gente con grandi sacchi per scappare dai controlli, rischiando di far cadere gli anziani che passeggiavano o i bambini intenti a godersi la giornata” – prosegue Melato – “Al mattino, invece, la polizia municipale ha dovuto fronteggiare questo esercito con pochi uomini e con mezzi non all’altezza per garantire la sicurezza della gente e la propria incolumità dato che questi extracomunitari sono arrivati ad alzare le mani causando anche dei feriti e per questo il comune deve fare il mea culpa e, a loro, va tutta la nostra solidarietà”.

Melato fa notare un aspetto particolare: “Il grande flusso migratorio è strettamente correlato alla presenza di abusivi, infatti non si era mai vista una presenza così massiccia di queste persone e il comune questo doveva prevederlo con l’impiego di più uomini a presidiare il centro storico con mezzi più idonei”.

“Le scellerate politiche di accoglienza del Pd reggiano hanno moltiplicato la presenza di questi abusivi che devono mettere in atto questi atti illeciti per guadagnare qualche soldo”. Quelli maggiormente colpiti da questi atti son stati i commercianti reggiani: “Il movimento giovani padani della Lega Nord vuole esprimere solidarietà anche ai commercianti, giovani e non, per il disagio che hanno dovuto sopportare per l’intera giornata. Per mantenere in piedi i loro negozi o bancarelle devono combattere tutti i giorni con la burocrazia e pagare tasse esagerate invece agli abusivi basta mettere un lenzuolo per terra e la loro merce contraffatta. Occorre che la giunta stia al fianco dei nostri commercianti e si prepari per le prossime ricorrenze in quanto queste situazioni si potrebbero, purtroppo, ripetere”.

Pagliani: “L’amministrazione si deve svegliare”
Sulla vicenda interviene anche il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Giuseppe Pagliani, che scrive: “La battaglia messa in scena dagli ambulanti abusivi contro gli agenti della Municipale ed alcuni militari della Guardia di Finanza sono l’ennesima follia che questa città si appresta a dover condannare tardivamente. Ancora una volta l’arroganza degli abusivi extracomunitari trova nel nostro centro storico il teatro ideale, l’amministrazione comunale si deve svegliare ed il sindaco Vecchi in primis non da segnali di vita. Doveva prevedere che per la festa del patrono la nostra città sarebbe stata presa d’assalto da venditori abusivi provenienti da tutte le città vicine. Ancora una volta l’amministrazione su delicate esigenze di ordine pubblico si fa trovare impreparata. Hanno ragione i commercianti del centro storico che protestano vivamente. L’aggressione subita dagli agenti della municipale che ha portato al ferimento di una delle agenti intervenuta è la conseguenza e l’epilogo alla condizione di illegalità che si è venuta a creare in centro storico. E’ ora di darci un taglio, il presidio del centro deve, nei giorni di festa, essere maggiore, ed era elementare immaginare che nel giorno del patrono della città ci fosse bisogno di molti più agenti in servizio al fine di monitorare e prevenire qualsiasi manifestazione di illegalità. In primo luogo il commercio abusivo che danneggia la vita stessa del commercio reggiano del cuore cittadino”.