Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Mali, i terroristi uccidono 27 persone al Radisson

Dodici corpi sono stati trovati al piano terra dell'edificio, mentre 15 al secondo. Fra questi ci sarebbero un francese, un belga, due maliani e tre terroristi

Più informazioni su

BAMAKO – Sono morte almeno 27 persone nella sparatoria all’Hotel Radisson blu di Bamako, in Mali, dove un comando jihadista questa mattina ha preso in ostaggio 170 persone. Dodici corpi sono stati trovati al piano terra dell’edificio, mentre 15 al secondo. Fra questi ci sarebbero un francese, un belga, due maliani e tre terroristi. Dopo una serie di blitz delle forze di sicurezza nell’albergo, il ministro dell’Interno ha annunciato che gli ostaggi sono tutti liberi. Sul posto sono entrate in azione forze speciali Usa e francesi. I morti potrebbero essere di più.

Nel pomeriggio due gruppi terroristici legati al al-Qaeda hanno rivendicato l’attacco. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa privata mauritana Al Akhbar, in una telefonata congiunta sia il Maghreb Islamico (Aqim) sia Al-Morabitun hanno precisato di essere gli autori dell’incursione. Al-Mourabitoun è composto principalmente da tuareg e arabi del Nord del Mali. È la prima volta che le due formazioni jihadisti sostengono di aver perpetrato una operazione congiunta.

L’hotel è considerato uno dei più sicuri nella zona, frequentato da stranieri. L’attacco, con armi da fuoco e granate, è cominciato stamattina, quando almeno quattro persone a bordo di un veicolo, con targa diplomatica, si sono avvicinate all’albergo e hanno cominciato a sparare contro le guardie, causando vari feriti e due vittime.

 

Più informazioni su