Iren lancia un’offerta di riacquisto per tre bond

Su tre emissioni obbligazionarie fino a un ammontare nominale complessivo di 100 milioni di euro. Verte su tre notes con scadenza 2019, 2020 e 2021

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Iren lancia un’offerta di riacquisto per tre bond. La multiutility, in sostanza, ricompra cento milioni di proprio debito, alleggerendo così la propria esposizioni in Notes, vale a dire le obbligazioni a breve-medio termine.

Nel dettaglio, l’utility ha annunciato il lancio di offerte di riacquisto su tre emissioni obbligazionarie fino a un ammontare nominale complessivo di 100 milioni di euro. L’offerta verte su notes con scadenza 2019, 2020 e 2021. Le offerte sono effettuate nel contesto delle attività della società volte a gestire le proprie passività e l’obiettivo delle offerte è la gestione attiva del debito in scadenza. In più le offerte forniscono una forma di liquidità ai portatori di quelle notes che sono riacquistate.

A fine settembre l’indebitamento finanziario netto di Iren  è sceso del 5,7% rispetto al 31 dicembre 2014 a 2,16 miliardi, grazie a una migliore gestione del capitale circolante netto. Il processo di ottimizzazione del profilo finanziario ha permesso all’utility di ottenere il rating BBB- con outlook stabile da parte dell’agenzia Fitch. Inoltre il management ha leggermente alzato i target per l’intero 2015: l’ebitda è ora previsto a 660 milioni di euro, l’utile netto a 140 milioni e il rapporto debito/ebitda a 3,4 volte.

A Piazza Affari il titolo Iren  questa mattina resta inchiodato sulla parità a quota 1,451 euro. Nonostante la fortissima performance da inizio anno (+58%), c’è chi continua a puntare sul titolo (Equita in settimana ha alzato il target price a 1,7 euro e ribadito buy) che rimane uno dei più attraenti fra le utility italiane anche in vista dell’acquisizione della maggioranza di Atena, la multi-utility di Vercelli. Con un multiplo enterprise value/ebitda 2016 di 6,3 volte, Iren  è scambiata in borsa con uno sconto del 10% circa rispetto alla media delle società del settore

Più informazioni su