Il vescovo è malato, cancellati tutti gli appuntamenti

A causa di una sciatalgia gli è stato prescritto un riposo totale per dieci giorni: stasera eccezionalmente sarà a Guastalla per il 40° della sua ordinazione

REGGIO EMILIA – Il vescovo Massimo Camisasca ha avuto negli ultimi giorni degli episodi di sciatalgia che si sono acuiti ieri mattina e così il professor Giovanni Battista Camurri gli ha prescritto un totale riposo per almeno 10 giorni.

Il vescovo si è trovato così costretto ad annullare l’Assemblea del clero della mattina di giovedì 5 novembre, a delegare il vicario generale monsignor Alberto Nicelli a rappresentarlo nella serata di presentazione dell’enciclica “Laudato sì” in programma giovedì 5 novembre alle 21 nell’aula magna dell’Università, a rinviare la visita pastorale all’unità pastorale di Novellara prevista per venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 novembre e ad annullare la sua partecipazione al Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze in programma da lunedì 9 a venerdì 13 novembre.

Stasera (4 novembre) il vescovo sarà presente a Guastalla per la messa (nella chiesa dei Servi) delle 18.30 nel 40° anniversario della sua ordinazione presbiterale, ma non si andrà a Novellara per i festeggiamenti che erano stati previsti.