Apertura Decathlon, Confcommercio: “Pratissoli distratto”

L'associazione replica all'assessore: "Presentammo osservazioni contro in passato"

REGGIO EMILIA – Tra il 2007 e il 2010 la Confcommercio di Reggio Emilia ha versato “fiumi di inchiostro” per “denunciare pubblicamente le sciagurate previsioni di Comune e Provincia in materia di grandi strutture di vendita”. A precisarlo e’ la stessa associazione ribattendo al Comune nella querelle sul nuovo centro Declathon in citta‘.

L’assessore comunale all’Urbanistica Alex Pratissoli, infatti, ha sottolineato che l’insediamento di via Samoggia, nell’area nord della citta’, era gia’ previsto dal 2008, mentre Confcommercio non avrebbe mai sollevato obiezioni in passato. Carte alla mano, i commercianti citano invece l’osservazione al piano provinciale presentata il 19 gennaio 2008 in cui si legge: “Le previsioni di via Samoggia, qualora confermate, sarebbero da considerarsi non conformi alle prescrizioni regionali”.

L’assessore dunque “non sa, o forse dimentica, che quella provinciale era la sede ove svolgere in via principale le osservazioni in ordine agli interventi commerciali di livello sovracomunale. Si informi, ne ha bisogno”. E ancora, il 29 ottobre 2009, l’associazione ribadiva nella sua osservazione al piano strutturale comunale: “Confcommercio eccepisce la mancata indicazione puntuale della superficie dell”intervento programmato in via Samoggia”, concludendo che “il testo della relazione afferente il commercio andrebbe completamente riscritto e reimpostato”. Pratissoli, chiude Confcommercio, appare dunque “distratto e, tratto comune a molti suoi predecessori, assai lacunoso in materia di commercio”.