Quantcast

Reggio, strade e quartieri: stanziato un milione

Il sindaco Vecchi: "Non solo opere, ma frutto del dialogo con i cittadini"

REGGIO EMILIA – Un pacchetto da quasi un milione per opere di manutenzione ordinaria dei guasti nei quartieri e per l’asfaltatura straordinaria delle strade. E’ quello presentato questa mattina in municipio a Reggio Emilia dal sindaco Luca Vecchi e concertato con gli assessori Valeria Montanari (Cura dei quartieri) e Mirko Tutino (alle Infrastrutture e Beni comuni). In dettaglio, per gli interventi nei quartieri cittadini che si completeranno entro i primi mesi del 2016, sono a disposizione risorse proprie del Comune per circa 130.000 euro.

E’ invece di 900.000 euro (700.000 al netto delle tasse) l’importo stanziato sulla viabilita’ cittadina che comprende: mezzo milione per il rifacimento dei manti stradali (in rilievo via dell”Aeronautica a ridosso del Campovolo), 50.000 euro per il rifacimento dei marciapiedi e altrettanti per la sistemazione delle piste ciclabili (in particolare quelle della circonvallazione) e 25.000 euro per la sistemazione dei parcheggi pubblici. E ancora 60.000 mila euro sulla segnaletica e 20.000 euro sui guard rail.

“Queste ultime opere – spiega Tutino – sono previste in un unico appalto che consente all’amministrazione un piu’ pieno controllo delle evolversi delle situazioni”. Gli interventi puntano, aggiunge l’assessore, “ad un totale incontro alle esigenze dei quartieri”. Il sindaco Luca Vecchi sottolinea invece: “Oggi non presentiamo un pacchetto di opere fini a se stesse, ma ricomprese in un disegno generale di citta’ che e’ il punto di sintesi di un anno di lavoro e di confronto con i cittadini”.

Attraverso “gli incontri avuti – prosegue il primo cittadino – abbiamo concordato una serie di interventi valorizzando anche tutte quelle forme di protagonismo civico positivo che la citta’ ha come patrimonio (a Reggio sono circa 26.000 mila le persone impegnate nel volontariato tramite associazioni o a titolo volontario)”. Conclude il sindaco: “Non siamo piu’ nell’epoca delle grandi opere e con le risorse che abbiamo a disposizione intendiamo ricostruire il rapporto con la comunita’, con un percorso che proseguira’ nei prossimi anni”.

L’assessore Montanari ricorda che per la manutenzioni nei quartieri “la citta’ e’ stata suddivisa in 4 quadranti e 16 ambiti di intervento”, e commenta: “La cura dello spazio pubblico e’ per noi necessaria se lo si vuole far diventare sociale. Con le riparazioni ”a guasto” non abbiamo inventato nulla di nuovo, ma forse ci siamo inventati un nuovo modo di rapportarci con i cittadini”. Infatti “le piccole riparazioni, spesso segnalate dai residenti, saranno eseguite da operai con pettorine che li identificheranno come del Comune. Anche questo crediamo sia un modo per riconoscere rispetto e considerazione alla comunita’”.