Quantcast

Gianni D’Amato in scena ad Expo con i cappelletti

Lunedì ad Expo, dalle 15 alle 16, lo chef reggiano celebrerà il piatto più tipico della cucina reggiana

REGGIO EMILIA – I “Cappelletti Reggiani” saranno protagonisti lunedì a Expo. A celebrare il piatto più tipico della cucina reggiana, dalle 15 alle 16, sarà Gianni D’Amato, che ha fatto della qualità e delle altissime prestazioni un credo e una filosofia di vita.

Nella piazzetta Emilia-Romagna di Expo, Gianni D’Amato preparerà live i cappelletti con rigore e precisione sartoriali, dando vita a una vera e propria “collezione uno per uno” di cappelletti che delizieranno la vista dei fortunati astanti.

Nell’intervista cooking show Gianni D’Amato sarà affiancato da un gruppo di rezdore di Correggio che lo aiuteranno a tirare la sfoglia. Insieme alla prelibata pasta ripiena, che tutto il mondo invidia a Reggio Emilia, sarà presentato anche il piatto in ceramica, presentato anche a Faenza e ai civici musei di Reggio Emilia, che Gianni D’Amato ha progettato ad hoc per servire i suoi cappelletti.

Gianni D’Amato, protagonista dell’eccezionale avventura del Rigoletto di Reggiolo, il ristorante bistellato Michelin reso inagibile dal terremoto del 2012, oggi insieme alla moglie Fulvia e al figlio Federico e a uno staff di valenti giovani professionisti, conduce il Caffè arti e mestieri, dove dà vita a una cucina più informale di quella che lo ha reso celebre al Rigoletto ma comunque sempre segnata dalle stimmate della qualità e della creatività, e lo fa rivisitando, senza stravolgerla, la tradizione.

Gianni D'Amato

Gianni D’Amato

“Cappelletti o caplét?” avrà luogo nell’ambito di “Acqua, terra, fuoco e aria”, la manifestazione organizzata da Regione Emilia-Romagna, Confindustria regionale, Unindustria Reggio Emilia, per promuovere le eccellenze dell’economia reggiana. I manufatti più artigianali della cucina reggiana insieme ai prodotti di altissima tecnologia dell’industria meccanica: passa da qui il rilancio del Made in Re.