Gas e teleriscaldamento, punto di ascolto in stazione

All'interno del Polo territoriale Est dei Servizi sociali, in via Giovanni Vecchi, 2/A, per i cittadini a cui sono state interrotte le forniture

REGGIO EMILIA – Il Comune di Reggio Emilia ha attivato un Punto di ascolto in zona stazione, rivolto ai proprietari ed affittuari dei condomini ai quali sono state interrotte le forniture di acqua, gas e teleriscaldamento, e che hanno bisogno di ripristinare e mettere in sicurezza gli impianti. Il Punto di ascolto ha sede all’interno del Polo territoriale Est dei Servizi sociali (via Giovanni Vecchi, 2/A).

L’iniziativa si inserisce nel percorso che da tempo il Comune ha intrapreso per dare risposte immediate alle maggiori criticità emerse in Zona stazione, tra le quali la morosità diffusa nel pagamento delle forniture centralizzate che ha portato al distacco delle utenze di alcune palazzine.

L’obiettivo del Punto di ascolto è di intercettare le problematiche dei cittadini, dando un sostegno per individuare possibili soluzioni e garantire così l’accesso a risorse basilari quali acqua e gas. Tra le competenze del nuovo sportello vi è infatti l’ascolto e la valutazione dell’eventuale necessità di sostegni economico-sociali  per i cittadini che vi si rivolgono, oltre che un’azione di orientamento rispetto ai servizi offerti dal Polo Est.

Scopo del Punto di ascolto è inoltre quello di svolgere un’importante azione di mediazione, cercando di creare un rapporto coi residenti per attivare, attraverso di loro, un collegamento con gli altri condomini e concretizzare soluzioni concertate per la soluzione dei problemi. Un’ulteriore finalità, infine, è quella di trovare una risposta a una problematica di sicurezza venutasi a creare a seguito dell’installazione autonoma, da parte di diversi utenti, di caldaie o boiler nelle singole abitazioni, al fine di prevenire eventuali situazioni di impianti non a norma che rischierebbero di mettere a rischio anche gli altri inquilini.

Il Punto di ascolto di via Vecchi è aperto il lunedì, dalle ore 11 alle 13. I cittadini potranno esporre le loro problematiche e confrontarsi con l’operatrice dello Sportello sociale e del Centro di mediazione dei conflitti e con un tecnico del servizio Manutenzione del Comune, il quale sarà disponibile anche per consulenze su richiesta o appuntamento. Sarà inoltre possibile richiedere informazioni anche per via telefonica, lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 14.30 alle 17.30, chiamando il numero 0522/585488.

Le informazioni e il materiale divulgativo sul Punto di ascolto saranno tradotte anche in lingua inglese, araba e cinese grazie alla collaborazione con la cooperativa L’Ovile, al fine di facilitare la diffusione della comunicazione a quanti più cittadini possibile.