Quantcast

Furti biciclette, nuove denunce e sequestri

Trentenne scandianese incensurato denunciato per furto e ricettazione: appello dei carabinieri di Scandiano ai derubati a recarsi in caserma per riconoscere le bici rubate recuperate dai militari

SCANDIANO (Reggio Emilia) – Si allarga a macchia d’olio estendendosi anche alla provincia di Reggio Emilia la piaga dei furti di biciclette: a Scandiano infatti i carabinieri hanno individuato un ricettatore-ladro 30enne, incensurato, di Scandiano, ora finito nei guai.

A lui i militari hanno sequestrato 3 biciclette rubate di cui due in attesa di essere riconosciute dai derubati. Per questo motivo i carabinieri invitano chi ha subito furti di bici a presentarsi in caserma per l’eventuale riconoscimento e la successiva restituzione ovviamente previa presentazione della denuncia di furto.

Tutto è iniziato quando una minorenne si è rivolta ai carabinieri segnalando di aver visto la sua bicicletta, che le era stata rubata nei giorni scorsi, in possesso a un uomo di Scandiano. L’analisi delle telecamere dei sistemi di videosorveglianza della zona, dove l’uomo era stato visto transitare, ha portato i carabinieri a indirizzare i loro sospetti sul trentenne poi indagato.

Le prove della sua responsabilità sono state trovate nell’abitazione del 30enne dove i carabinieri non solo hanno trovato la bicicletta rubata alla minorenne ma anche altre due biciclette di cui il 30enne non riusciva a giustificare il possesso. L’uomo, che ha ammesso di aver rubato la bicicletta alla minorenne, è stato denunciato per furto e ricettazione per il possesso delle altre due biciclette sequestrate dai carabinieri in attesa di essere restituite a chi, con denuncia alla mano, si presenterà in caserma dichiarandone la proprietà.