Coopsette, il Pd: “Tutelare soci e lavoratori”

Il responsabile economia e lavoro dei Dem, Bertani: "Dirigenza sia responsabile, istituzioni faranno la loro parte". La Lega: "Il modello emiliano sta crollando"

REGGIO EMILIA – Coopsette, storica cooperativa di Reggio Emilia, finira’ in liquidazione, e il Partito Democratico reggiano invita la dirigenza a fare il possibile per tutelare i soci e i lavoratori. In una nota, il responsabile Economia e Lavoro dei dem di Reggio Giacomo Bertani fa sapere che il partito “prende atto delle parole del presidente di CoopSette Fabrizio Davoli, che ha annunciato che la crisi aziendale verra’ risolta in forma liquidatoria, per assenza di altre soluzioni” ed esprime “la massima vicinanza ai lavoratori, ai soci prestatori e alle loro famiglie”.

Dal momento che su Coopsette, prosegue Bertani, “un intero territorio ha risposto i propri progetti di vita, i propri risparmi e le proprie aspettative, chiediamo alla dirigenza aziendale la massima responsabilita’ e sensibilita’ rispetto alle preoccupazioni della comunita’”, perche’ vista la situazione “occorre tutelare quanto piu’ possibile i lavoratori e i soci prestatori, in quanto soggetti piu’ deboli, dalle conseguenze negative della procedura di liquidazione”.

Da parte sua il Pd sostiene “con forza l”azione delle forze sindacali” e ribadisce il proprio impegno “tramite Regione, Provincia e i sindaci dei territori coinvolti nel presidio della crisi per offrire tutti gli strumenti per ammortizzarne gli effetti sulla comunita’”. Per quanto sara’ possibile, conclude l’esponente dei dem reggiani, “non faremo mancare la nostra parte a tutela delle famiglie, dei lavoratori e dei risparmiatori”.

Intanto la Lega Nord presenta, in Consiglio comunale a Reggio, un ordine del giorno urgente per chiedere misure speciali per i lavoratori a rischio licenziamento. L’odg, fa sapere il capogruppo del Carroccio Gianluca Vinci, “e’ stato ammesso alla discussione con il voto unanime di tutte le forze politiche e sara’ discusso in serata”. Nel documento la Lega chiede al Comune di Reggio di “prendere atto della grave crisi che colpisce ormai molte delle nostre imprese ed anche il mondo cooperativo, oggi profondamente scosso dalla imminente liquidazione di Coopsette”.

Il modello emiliano orgoglio del Pd secondo i leghisti “sta crollando, e gli Enti locali devono intervenire perche’ la crisi delle imprese e delle cooperative non si trasformi in una tragedia dei nostri concittadini”. Vinci chiede quindi che siano “utilizzati i fondi per il sociale gia’ stanziati ed altri che si possono e si devono reperire”, e di “cambiare i criteri di accesso ai contributi comunali favorendo chi e’ residente da piu’ tempo nel nostro territorio”, e chiude dicendo che il suo partito “promuovera’ ed appoggera’ ogni iniziativa che vada nel senso di tutelare i lavoratori reggiani”.