Carni rosse e tumore, Ascom: “Occasione per educazione al cibo”

La presidente Prampolini: "Non vogliamo sottovalutare l'allarme lanciato dall'Oms, ma i dati vanno riportati al loro giusto contesto e alla loro finalità"

REGGIO EMILIA – “Non vogliamo sottovalutare l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità ma i dati vanno riportati al loro giusto contesto e alla loro finalità”. Così Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio–Imprese per l’Italia Reggio Emilia invita a fare chiarezza sulle carni rosse e le carni lavorate.

“Le informazioni di questi giorni – spiega Donatella Prampolini Manzini – sono un’occasione per fare educazione e, invece, si sta diffondendo un allarmismo non giustificato. I dati dello studio, innanzitutto, partono da un consumo procapite molto superiore a quello italiano e non ci sono indagini che dicano puntualmente quale sia la soglia oltre la quale il consumo di carne rossa e carne lavorata può essere considerato potenzialmente cancerogeno”.

“Se poi ci si prende il tempo per fare ricerche più approfondite – aggiunge Donatella Prampolini Manzini – si scopre che altri studi, di qualificati esperti, dicono che un modesto consumo di carne è salutare”.

“Pertanto – conclude Donatella Prampolini Manzini- riteniamo che le informazioni di questi giorni debbano riacquisire lo spirito originario che non è quello di fare terrorismo, ma di stimolare una corretta educazione alimentare, dove gli eccessi, di qualsiasi natura, sono potenzialmente nocivi. Gli italiani sono tra le persone più longeve al mondo e la carne e i salumi hanno sempre fatto parte della nostra cultura. Ora sappiamo che è opportuno non eccedere nei consumi, ma questo non significa che ci si debba mettere in allarme come purtroppo sta accadendo in questi giorni”.