Bellacoopia: vincono gli studenti di Castelnovo Sotto e Boretto fotogallery

Legacoop premia le ricerche storico-culturali degli studenti reggiani sulla centuriazione romana e sul ruolo della Basilica di San Marco per la comunità locale

REGGIO EMILIA – Sono stati presentati l’8 ottobre nella Sala Valdo Magnani di Legacoop i progetti realizzati nell’ambito di Bellacoopia Ricerca 2014-’15, il concorso di Legacoop Reggio rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo grado per favorire lo studio e la conoscenza del pensiero e delle pratiche relative alla solidarietà cooperativa nel nostro territorio.

Otto le scuole che hanno partecipato: la “Antonio Panizzi” di Brescello, “Il Tricolore”, di Carpineti, l’”Enzo Comparoni”di Bagnolo; la“G.B. Toschi ” di Viano, Regnano e Baiso; la “Marconi” di Castelnovo Sotto“; la “Fontanesi” di Reggio; la “Lelio Orsi” di Novellara e la “Nizolio” di Boretto. Tutte hanno presentato ricerche storiche di grande interesse sul territorio e sulla cooperazione.

Le due ricerche che hanno vinto a pari merito sono “Presente storico” realizzata dalla 2.a D di Castelnovo Sotto (insegnante Stefania Debbi), e “Una comunità, una chiesa, due patroni” della 3.a B di Boretto (insegnante Ivan Cantoni).

La prima è una ricerca realizzata con la collaborazione di esperti in geostoria, archeologia e tecnici della Consorzio Bonifica dell’Emilia Centrale. Il lavoro parte dallo studio della tecnica romana di centuriazione del territorio, per poi  individuarne le tracce nel territorio comunale di Castelnovo Sotto. I ragazzi sono quindi andati alla ricerca di cardini e decumani utilizzando prima carte storiche poi effettuando sopralluoghi diretti, provando anche le misurazioni con l’utilizzo della “groma”. Il risultato è un’analisi storica molto approfondita che si conclude con il tentativo di valorizzazione del territorio attraverso l’ideazione di itinerari turistici da percorrere in bicicletta (con il logo Castelcentour).

La seconda è un percorso alla scoperta della Basilica Minore San Marco di Boretto come centro intorno al quale si è costruito nei secoli un singolare rapporto fra parroci e sindaci, fra istituzione civile e religiosa, fra San Marco, patrono ecclesiastico e parrocchiale, e Sant’Antonio, patrono civico e “istituzionale” di Boretto. L’analisi si è sviluppata su 5 filoni, su cui i gruppi di lavoro si sono concentrati per approfondimenti mirati: la Chiesa e le sue vicissitudini nel tempo, San Marco e la sua vita, Sant’Antonio da Padova, la figura di Don Angelo Dosi, i lavori di restauro dell’edificio.

Le altre ricerche hanno riguardato:
la figura di Antonio Panizzi, realizzata dalle classi classe 1.a A, 1.a B, 2.a A, 2.a B,3.a A e 3.a B (insegnate Raffaella Minelli) della Panizzi di Brescello;
il territorio dell’alta valle del Tresinaro, delle classi 1.a A, 1.a B, 2.a A, 2.b B,3.a A e 3.a B (insegnanti Ermanio Beretti e Brunella Mailli) della scuola di Carpineti.
Sempre al Tresinaro è dedicata la ricerca delle classi 1.a A, 2.a, 3.a C, e 2.a D  (insegnante Elena Ferrari) delle scuole di Baiso, Viano e Regnano.
La 2.a B del Kennedy di Reggio Emilia (insegnante Cristiana Davolio) ha realizzato una ricerca sul Centro 3 C Salute, poliambulatorio cooperativo.
Alla cooperativa di abitazione indivisa Abicoop di Novellara si è rivolto il lavoro del Laboratorio pomeridiano della Scuola “Orsi” di Novellara (insegnante Eva Lucenti).
Le classi 2.a A, 2.a B, 2.a C, 2.a D e 2.a E di Bagnolo (insegnante Grazia Luisa Porzio) ha realizzato un progetto per realizzare una cooperativa del riuso e del design.

Dopo il saluto di Andrea Volta, presidente di Legacoop Emilia Ovest, col vicepresidente Luca Bosi,  e di Domenico Turrazza, direttore del Consorzio Bonifica , ha presentato i progetti Daniela Cervi, responsabile di Bellacoopia. Sono intervenuti Lucio Levrini, coordinatore scientifico di Bellacoopia Ricerca, e Maria Teresa Rabitti, docente di Didattica della Storia all’Università di Bolzano e presidente della giuria.

Presenti all’iniziativa gli insegnanti delle classi che hanno partecipato al progetto, i tutor e diversi amministratori dei Comuni dove hanno sede le scuole: il sindaco di Carpineti Tiziano Borghi; di Novellara Elena Carletti; il vicesindaco di Brescello Isabella Mazza; l’assessore alla scuola di Castelnovo Sotto Carla Guatteri.