Quantcast

La Lega Nord: “Integrazione, il PD ha fallito”

Il segretario Vinci: "Interi quartieri di Reggio sono pericolosi, Renzi vada in zona stazione"

REGGIO EMILIA – “Non ci stupisce assistere a scene di guerriglia urbana come quella messa in atto ieri pomeriggio da 30 africani tra via Emilia San Pietro e via IV Novembre, la Lega Nord denuncia da diversi anni lo stato di degrado e di conseguente pericolosità di interi quartieri di Reggio”.

Lo scrive Gianluca Vinci, segretario provinciale della Lega Nord secondo il quale “le politiche migratorie, gestite malamente dall’amministrazione comunale a guida Pd, che hanno portato i cittadini extracomunitari a costituire il 20% dei residenti del nostro Comune, con punte del 29% in Centro Storico, sono la causa di questo fenomeno e ci fanno comprendere come fino ad oggi solo per pura fortuna non si fossero ancora verificati atti così gravi”.

Continua Vinci: “Il Pd reggiano, che ad ogni crimine commesso da un extracomunitario, ha gridato all’innocenza delle masse ed al gesto di una singola mela marcia, deve ricredersi, ieri pomeriggio chi si è trovato a passare per via Emilia San Pietro e via IV Novembre non ha visto la pazzia del singolo ma 30 migranti in grado di creare il caos nel quartiere, terrorizzando i passanti e gli avventori di una gelateria, uomini, donne e bambini che non scorderanno sicuramente gli attimi di terrore che hanno vissuto. E’ ora che il Comune di Reggio, da troppo tempo impegnato a parlare di integrazione invece che a fare sicurezza, cambi rotta, qui, come da tempo sosteniamo, non ci si trova davanti ad un semplice atto criminale di un singolo, ma a situazioni di pericolo diffuso che rendono pericolose ai reggiani alcune vaste aree della nostra città”.

Conclude Vinci: “La Lega Nord non crede che questo tipo di immigrazione sia una risorsa per la nostra comunità e ritiene profondamente errate le politiche migratorie fondate sul buonismo anziché improntate sul rispetto delle leggi. Solo per caso ieri non si è avuto nessun morto ed altrettanto per caso non vi sono stati coinvolti reggiani, l’amministrazione comunale non può consentire certe situazioni di degrado e di pericolo che sono difficilmente riscontrabili in altre città dalle dimensioni ridotte come Reggio Emilia. La Lega Nord chiede che Matteo Renzi, che a giorni sarà ospite di FestaReggio in qualità di segretario del PD, dopo aver stretto le mani ai 30 “migranti” che svolgono “volontariato” alla Festa, si rechi, in qualità di presidente del Consiglio, in via Emilia San Pietro ed in via IV Novembre ad incontrare i cittadini reggiani che ieri sono stati terrorizzati dai 30 africani, la vera integrazione la si fa con progetti concreti e duraturi coinvolgendo la gente non con degli “spot”. A Reggio certe scene non si devono più ripetere, è ora che l’amministrazione comunale si prenda la responsabilità di questo disastro e che vi ponga immediatamente rimedio, la Lega Nord è disponibile a sostenere ogni iniziativa varata dal Comune per la sicurezza dei cittadini”.