Quantcast

Immigrazione, Ferretti: “Troppo buonismo, non si può accogliere tutti”

L'ex cantante dei Cccp al festival dei giovani di Fratelli d'Italia: "Salvini? Ha tanti pregi e qualche difetto. La Meloni è un leader"

REGGIO EMILIA – “Sulle politiche migratorie non sono d’accordo con il governo. C’è troppo buonismo oggi. Non credo che uno Stato dovrebbe accogliere tutti. Un Paese che non difende la propria popolazione e i propri confini non va bene. Prima viene il benessere dei proopri cittadini e poi si deve pensare a tutto il resto. Mi fa impressione chi mette i propri vecchi all’Ospizio per poi occuparsi dei poveri del terzo mondo”.

Lo ha detto l’ex cantante dei Cccp e Csi Giovanni Lindo Ferretti in una videointervista a Il Fatto Quotidiano dopo che ieri ha partecipato, invitato dalla Meloni, per la seconda volta, ad Atreju, la manifestazione di Fratelli d’Italia, giunta alla 18esima edizione e nata da un’intuizione di Azione giovani, movimento giovanile di An.

Ha aggiunto Ferretti: “Al tempo dei Cccp, quando scoprimmo che buona parte del nostro pubblico veniva dai giovani fascisti, rimanemmo perplessi ma è da tempi non sospetti che i giovani della destra vengono ai nostri concerti. Sono un prepolitico e un postpolitico, un vecchio punkettone. Qui mi ha invitato la Meloni che è uno dei pochi politici che stimo”.

E ai fan che, gli rimproverano la conversione al cattolicesimo e al centrodestra, dice: “So di tante cose che non arrivano a me, perché non sono interessato alle chiacchiere e non frequento i social media. Le idee non devono combaciare per apprezzare artisticamente una persona”.

Infine, quando l’intervistatrice gli chiede cosa vota, conclude: “Non voto più a sinistra da tanto tempo e posso anche non votare. Salvini? Ha tanti pregi e anche qualche difetto. La Meloni la vedrei bene come leader. Berlusoni? Ci sono dei problemi di carattere estetico. E’ fuori tempo e se ne deve fare una ragione. Non ho mai potuto esprimere la simpatia umana che ho per lui, ma dal punto di vista politico ho dei dubbi sulla persona”.