Via Menotti, svuotano le cantine di un condominio: arrestati

A tradire i due ucraini, una pausa per bersi una birra in via Manara: biciclette, generi alimentari, liquori e vini anche pregiati per svariate migliaia di euro

REGGIO EMILIA – Arrestati due ucraini che stavano svuotando le cantine di un condominio in via Menotti. A tradirli è stata una pausa per bere una birra, in via Manara, mentre stavano portando a termine il loro “lavoro” portando via biciclette, generi alimentari, liquori e vini anche pregiati. Il sospetto andirivieni è stato notato da un cittadino che l’ha segnalato ai carabinieri.

Sul posto è arrivata una pattuglia della stazione di Santa Croce e un equipaggio del Nucleo Radiomobile. I militari hanno sorpreso i due ucraini in via Manara mentre, appunto, si bevevano una birra. Avevano una busta con svariati generi alimentari e un borsone con dentro bottiglie di vino alcune con particolari etichette risalenti agli anni 50. Vicino a loro c’era anche una bici normale e una elettrica.

Poco lontano c’erano 3 biciclette assicurate ad un palo con un unica catena di cui i due ucraini ne disconoscevano la proprietà. Dopo aver fatto alcune verifiche in Via Manara per verificare l’eventuale commissione  di furti, i carabinieri hanno portato i due ucraini. Sono il 36enne Oleksii Rozanov e il 30enne Sergiy Burnashov, entrambi con plurimi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Quando stavano facendo uscire i due fermati, è arrivata una telefonata da Via Menotti che li ha incastrati perché i residenti di un condominio chiedevano ai carabinieri un sopralluogo di furto dato che erano state rovistate e svuotate le loro cantine. Tutta la refurtiva (biciclette, generi alimentari, liquori e vini anche pregiati per svariate migliaia di euro) era proprio quella che avevano i due fermati che l’avevano “stoccata” provvisoriamente in Via Manara lungo la strada.

Le 5 famiglie derubate sono tornate in possesso di quel che gli era stato rubato e i due ucraino sono stati arrestati.