Quantcast

Tragedia sul Secchia, morta anche la terza sorella

Khaoula Louahbi è morta dopo otto giorni di agonia all'ospedale di Baggiovara

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Non ce l’ha fatta neanche la terza sorella che era finita con le altre due nel fiume Secchia a Sassuolo. Khaoula Louahbi è morta dopo otto giorni di agonia all’ospedale di Baggiovara. Sono purtroppo tre, a questo punto, le sorelle morte annegate. E’ rimasta viva sola la quarta del gruppo che si era avventurato sul fiume, quella di undici anni.

Le quattro sorelle erano andate il 4 agosto scorso, all’ora di pranzo, nella zona di Borgo Venezia a Sassuolo, in riva al Secchia (sulla sponda modenese) per un bagno rinfrescante. Le ragazze avevano deciso di fare il bagno in un tratto del fiume (dove vige il divieto di balneazione) dove si trova “l’isola”, una parte di terriccio e vegetazione che emerge dal letto fino a superare il livello dell’acqua.

Probabilmente le tre giovani credevano di poter toccare con i piedi una volta scese in acqua. La prima a buttarsi sarebbe stata Hajar, e dalla prime ricostruzioni proprio la 18enne potrebbe essere stata vittima di una congestione. La più piccola e la più grande delle Louhabi si sarebbero così affrettate a tuffarsi per soccorrerla, pur sapendo nuotare molto poco. E così, in pochi secondi, le tre si sono trovate in balia della corrente, senza riuscire a riemergere e a guadagnare la riva.

Più informazioni su