La Lega: “Palazzo Malaguzzi cade a pezzi, rischi per i passanti”

Attolini, segretario cittadino del Carroccio: "Dal tetto pende una tavella in legno pronta a cadere in testa a qualcuno"

REGGIO EMILIA – “Nel cuore della città, a pochi metri da Piazza Prampolini, tra Via Palazzolo e Vicolo delle Rose, a fianco di edifici sedi di uffici comunali, sorge Palazzo Malaguzzi, un tempo ala secondaria della dimora della nobile famiglia reggiana, che diede i natali alla madre di Lodovico Ariosto. Di proprietà privata, mai particolarmente curato, da alcuni anni è in stato di abbandono, malgrado un cartello ne indichi (o, stante la crisi immobiliare, ne auspichi) il futuro recupero”.

La denuncia arriva da Alberto Attolini, segretario sezione Reggio Emilia della Lega Nord, che scrive: “La contiguità con edifici pubblici non ha impedito che l’incuria producesse l’ennesimo caso di degrado e pericolo nel centro storico. Dal tetto del palazzo (nel suo lato prospiciente Vicolo delle Rose) pende una tavella in legno, forse in attesa del passante giusto sul quale dolcemente librare. A dire il vero, neppure il resto del tetto appare in condizioni ottimali. Un palazzo fatiscente, con parti che stanno letteralmente crollando, a fianco del Comune, è davvero troppo”.

E conclude: “Dal momento che la pavimentazione della città storica fa rabbrividire, per evitargli spaventi, invitiamo il sindaco a non camminare a testa bassa. Guardi per aria: magari potrà prevenire qualche disastro”.