Quantcast

Parmigiano-Reggiano, obiettivo Canada

Nuovi accordi con le tre maggiori catene distributive. Si vuol raddoppiare l'export portandolo a 100mila forme nei prossimi 5 anni

REGGIO EMILIA – Raddoppiare le esportazioni sul Canada nei prossimi cinque anni, con il passaggio da 50.000 a 100.000 forme: è questo l’obiettivo del Consorzio del Parmigiano Reggiano, che dal Fancy Food di New York (la più prestigiosa vetrina internazionale dell’agroalimentare) è rientrato con nuovi e rilevanti accordi con le tre principali catene distributive al dettaglio: Costco Canada, Loblaws e Sobey’s.

“Il mercato canadese – spiega il direttore del Consorzio, Riccardo Deserti – rappresenta, per importanza, il secondo mercato extra UE dopo gli Stati Uniti, con 50.000 forme (circa 2.000 tonnellate) di export annuo, ed è qui che negli ultimi dieci anni si è fortemente diffusa la conoscenza del nostro prodotto, considerato il “re” dei formaggi per le sue caratteristiche particolarmente apprezzate in Canada”.

“L’export, pur essendo costantemente aumentato – spiega Deserti – ha però risentito, sino ad oggi, dei limiti imposti dal regime delle quote in vigore in Canada, che impone un tetto alle importazioni di formaggi dall’Unione Europea. Ora, però, si aprono prospettive del tutto nuove, legate da una parte all’accordo sul libero scambio Ceta (siglato tra Unione Europea e Canada nel 2014) che programma per i prossimi anni la concessione di nuove quote per le importazioni di formaggi europei (si dovrebbero aggiungeere 18.000 nuove tonnellate per i formaggi europei) e, dall’altra, proprio grazie agli accordi siglati dal Consorzio a New York con le tre grandi catene canadesi”.

“I contatti avuti con importatori e detentori di quote – aggiunge il direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano – non solo confermano che il nostro è tra i formaggi più richiesti, ma che è possibile puntare proprio al raddoppio delle esportazioni, con 50.000 forme in più nell’arco di cinque anni”.

“L’elemento che accomuna gli accordi con le catene distributive canadesi – prosegue Deserti – è il lavoro che verrà sviluppato sulla conoscenza del prodotto, con formazione del personale addetto alle vendite”.

Dal Canada intanto giungono intanto notizie già di per sè positive, con un incremento del 10% delle esportazioni di Parmigiano Reggiano nei primi mesi del 2015.