Ospedale Mire, segnali positivi dalla Regione

Il direttore dell'assessorato regionale: "Oggi non abbiamo fondi, ma in futuro li avremo. Per realizzare l'opera abbiamo concordato un percorso" con la dirigenza del Santa Maria Nuova

REGGIO EMILIA – Segnali incoraggianti dalla Regione, sul progetto del “Mire”, il nuovo ospedale di Reggio Emilia dedicato alla maternità e l’infanzia, che dovrebbe accorpare tutte le strutture di neonatologia del territorio provinciale. Arrivano dal direttore dell’assessorato regionale alla Sanità, Kiriakoula Petropulacos, che a margine di un’iniziativa a Reggio interviene sulla spinosa questione dei finanziamenti alla struttura.

Per il “Mire” sono infatti stati stanziati già 14 milioni dalla Regione nella passata legislatura. La cifra per il completamento dell’opera si aggira invece sugli 11 milioni. Risorse che “se arriveranno”, verranno sicuramente messe a disposizione, promette Petropulacos. Il “Mire”, spiega infatti la dirigente, “è un progetto prioritario. Oggi non abbiamo fondi per gli investimenti in conto capitale, ma in futuro li avremo”. La volontà sembra quindi quella di andare avanti perché, spiega ancora Petropulacos, “abbiamo concordato un percorso con il direttore generale (dell’ospedale Santa Maria Antonella Messori, ndr) che non potrà mancare di arrivare alla realizzazione di quest’opera, tassello strategico del sistema sanitario regionale”.