Festa di fine Ramadan, in duemila al palazzetto

Porte aperte anche ai passanti e ai curiosi. L'assessore Foracchia: "Contiamo sulla vostra piena collaborazione per crescere e disegnare un futuro condiviso"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – L’assessore alla Città internazionale Serena Foracchia è intervenuta oggi alla cerimonia di chiusura del Ramadan, per portare i saluti del sindaco e dell’Amministrazione comunale alla comunità islamica di Reggio Emilia in occasione della festa dell’Id al-Fitr, al termine del mese sacro di Ramadan, dedicato al digiuno, alla preghiera e al soccorso dei poveri. Alla festa erano presenti circa duemila musulmani.

“In questo giorno così importante per la fede islamica – ha detto l’assessore Foracchia – desidero inviare un sincero augurio e un messaggio di vicinanza, mio personale e dell’amministrazione comunale, alla comunità di fede islamica di Reggio Emilia. Questa giornata ha un significato ancora più rilevante per la città, perché uno dei due momenti di incontro è stato organizzato al palazzetto di via Guasco, un luogo importante per tutti i reggiani. Sia questo luogo che il ritrovo realizzato presso i campi dell’oratorio cittadino Don Bosco hanno aperto la cerimonia di preghiera ai passanti interessati ed ai curiosi. Una scelta di condivisione, per avvicinare la comunità islamica reggiana alla città e diminuire la diffidenza verso l’Islam, dimostrando come la fede islamica non sia affatto chiusa ma aperta e dialogante”.

Il Ramadan – ha ricordato l’assessore Foracchia rivolgendosi ai fedeli – è un fondamentale momento di preghiera, che anche quest’anno ha visto la comunità islamica reggiana impegnarsi per sostenere le proprie famiglie in difficoltà. Un impegno forte e importante, del quale l’amministrazione comunale è davvero riconoscente. É ormai giunto a conclusione questo primo anno di collaborazione tra la nuova amministrazione comunale e la comunità islamica di Reggio Emilia: un percorso ricco di spunti e collaborazione, che ci ha avvicinato molto e che si è caratterizzato per i tanti momenti di costruzione di un reale cammino da fare insieme. Un cammino i cui principi sono lo spirito di fratellanza e il rispetto reciproco delle fedi e delle culture, che a Reggio Emilia hanno radici solide e ormai pluridecennali, principi cardine della nostra città, insieme con lo sviluppo del dialogo interculturale che abbiamo costruito insieme, credo con buoni risultati”.

“Ancora una volta dunque – ha concluso l’assessore – vogliate accogliere i più stimati e sinceri auguri da parte dell’amministrazione comunale, la quale conta sulla vostra piena collaborazione per crescere e disegnare un futuro condiviso”.

 

Più informazioni su