Dopo il caldo torrido, in arrivo temporali e vento previsioni

Un'ondata di aria fresca sta determinando un brusco calo delle temperature e fenomeni temporaleschi. Allerta della protezione civile per rischio allagamenti

REGGIO EMILIA – Terminata l’ondata di caldo che ha attanagliato in questi giorni l’Emilia-Romagna con temperature equatoriali e forti disagi causati dall’elevato tasso di umidità. L’Agenzia regionale di protezione civile ha attivato con l’allerta n. 64 la fase di “attenzione per temporali, vento e stato del mare, dalle ore 20 di stasera (mercoledì 8 luglio) per le prossime 15 ore”.

Secondo i dati forniti dal Centro Funzionale dell’Arpa,  sono in arrivo correnti di aria più fresca nei bassi strati dell’atmosfera che, “unite alle presenza di una massa d’aria preesistente calda e umida, forniscono condizioni favorevoli allo sviluppo di temporali, localmente anche di forte intensità”. Temporali “tropicali” che interesseranno tutta la nostra Regione, ed in particolare tutta la nostra provincia dal Po al Crinale dell’Appennino. Di conseguenza, si verificherà anche un brusco calo delle temperature.

Nell’allerta meteo si spiega anche che a causa dei temporali “possono verificarsi fenomeni di allagamento localizzato per incapacità di smaltimento del reticolo idrografico secondario e urbano, con effetti sul sistema antropico quali localizzati danni ad edifici e viabilità interessati da fenomeni di erosione e/o deposizione e/o scorrimento superficiale delle acque; potranno verificarsi localizzati allagamenti di sottopassi, cantine, terreni agricoli o zone depresse e saranno possibili fenomeni di erosione superficiale, smottamenti, piccole colate e localizzate cadute massi”.

Non solo Tra le raccomandazioni della Protezione civile c’è quella rivolta ai gestori di attività all’aperto: “sistemare e fissare gli oggetti sensibili agli effetti del vento o suscettibili d’essere danneggiati”. Nel bollettino diramato si legge anche che “possono verificarsi localmente cadute di rami e/o alberi, segnaletica stradale e pubblicitaria, danni alle strutture di pertinenza delle abitazioni (tettoie, pergolati, ecc..) e ad impianti o infrastrutture di tipo provvisorio (tensostrutture, installazioni per iniziative commerciali, sociali, culturali, strutture di cantiere, stabilimenti balneari, ecc..). Può risultare difficoltosa o localmente interrotta la circolazione stradale per la presenza di oggetti di varia natura trasportati dal vento e per particolari categorie di veicoli quali mezzi telonati, roulotte, autocaravan, autocarri o comunque mezzi di maggior volume”.

Per chi dovesse recarsi al mare è bene sapere che è anche previsto anche il rinforzo del vento, con raffiche da nord est sulla fascia costiera, determinerà mare molto mosso sottocosta e mare agitato al largo.