Cyber allerta, computer reggiani sotto attacco

Cyber-ricattatori stanno effettuando massicci invii di e-mail contenenti il virus noto come "Cryptolocker", che blocca le memorie del pc. Per sbloccarlo, bisogna pagare

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Anche la nostra area è sotto attacco informatico. Cyber criminali stanno effettuando massicci invii di email contenenti il virus noto come “Cryptolocker”, che blocca tutti i contenuti dei computer riceventi. Per sbloccare le memorie, i malviventi chiedono una somma di denaro. Un ricatto vero e proprio.

L’allarme viene dalla polizia postale che spiega che “è in atto l’invio di e-mail a privati cittadini ma anche aziende private e pubbliche, riguardanti  indicazioni su presunte spedizioni effettuate  o contenenti un link relativo a presunti  acquisti  on-line. Cliccando sul link o aprendo l’eventuale allegato (solitamente un documento pdf), viene installato il virus (un malaware) che immediatamente cripta il contenuto delle memorie del pc e anche di quelli eventualmente collegati in quel momento in Rete”.

A questo punto scatta il ricatto: i cyber-criminali richiedono il pagamento di una somma (alcune centinaia di euro in bitcoin) per ricevere un programma di decriptazione,  unico sistema per rientrare in possesso dei propri documenti.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha concluso, proprio in queste ultime ore, un’operazione che ha permesso di sgominare un’organizzazione criminale per associazione per delinquere finalizzata all’accesso abusivo informatico, estorsione on line e riciclaggio degli illeciti proventi realizzati mediante la diffusione del “Cryptolocker”, di cui sono rimaste vittima privati cittadini ma anche aziende, private e pubbliche.

Tipica e-mail con Cryptolocker

Tipica e-mail con Cryptolocker

Ma la minaccia non è cessata. Così la Polizia fornisce alcuni consigli: innanzitutto non procedere ad alcun pagamento,  anche perché non è certo che sia restituito il materiale criptato. Dato che prevenire è meglio che curare, è bene tenere sempre aggiornato il software del proprio pc, munirsi di un buon antivirus e procedere sempre a backup dei propri file. Bisogna ovviamente fare attenzione alle e-mail che arrivano “non attese”,  evitando di aprire file allegati o seguire link indicati.

Più informazioni su