Controlli in zona stazione, a Ospizio e nei parchi: fioccano le denunce

Due nordafricani e due giovani italiani nei guai per possesso di droga

REGGIO EMILIA – La polizia continua nell’attività di prevenzione e contrasto alla criminalità nelle aree cittadine a rischio degrado. In questi ultimi giorni, ed anche dalle prime ore di questa mattina, gli uomini della questura coordinati dal dirigente delle Volanti, insieme agli operatori del Reparto prevenzione crimine di Reggio Emilia, alla unità cinofila dell’Associazione polizia municipale matildica val Tassobbio ed alla polizia municipale di Reggio Emilia hanno effettuato controlli a capillari alle aree maggiormente degradate della città, immobili sono stati ispezionati in via Veneri, via Vecchi, in via Turri,via Bligny, quartiere Gardenia. Tra le persone controllate 3 sono risultate irregolari sul territorio nazionale.

La stazione ferroviaria e i suoi dintorni sono state passate al setaccio e due giovani di origine nordafricana sono stati trovati in possesso di droga e quindi denunciati. I controlli estesi a tutta l’area a ridosso del quartiere Ospizio hanno permesso di rintracciare 6 cittadini stranieri originari dell’Est Europa che non avevano nessun motivo per permanere nel territorio cittadino di cui 4 di etnia rom che, in seguito ad approfondimenti, sono stati muniti di foglio di via obbligatorio.

Controlli anche nelle aree residenziali per contrastare i furti in abitazione e le truffe agli anziani. Sono ancora in corso i controlli alle aree di maggiore aggregazione familiare e giovanile e nel rispetto del progetto “Parchi sicuri” sono state controllate le aree verdi della città. Al termine di questi due giovani sono stati denunciati per possesso di droga. Inoltre sono stati effettuati controlli alle aree di sosta attigue ed adiacenti ai parchi per scongiurare le attività predatorie come i furti su auto ed i furti con strappo.