Casina, torna la fiera del Parmigiano Reggiano

Dal 31 luglio al 3 agosto la 49esima edizione. Il sindaco Rinaldi: “Sulla riconoscibilità del formaggio di montagna si gioca buona parte del futuro agroalimentare del territorio”

CASINA (Reggio Emilia) – “Sarà una fiera caratterizzata su una immagine ancora più forte e pervasive del Parmigiano Reggiano prodotto in montagna. Sulla  introduzione di una specificità riconosciuta della produzione appenninica credo che si giochi una parte importante del futuro agroalimentare del nostro territorio”. Così il sindaco di Casina, Gianfranco Rinaldi, ha presentato questa mattina, nella cornice del Castello di Sarzano, la nuova edizione, la 49°, della Fiera del Parmigiano Reggiano, che andrà in scena a Casina dal 31 luglio al 3 agosto.

Spiega ancora Rinaldi: “Immagini del territorio appenninico saranno lo sfondo quasi onnipresente della Fiera ed in particolare dello stand dedicato al Parmigiano Reggiano, chiamato significativamente “Il tempio del Re”. Quest’anno inoltre vogliamo evidenziare e promuovere lo sforzo che alcune latterie della montagna stanno intraprendendo, e siamo ancora ai primi passi, per ottenere una certificazione ed un marchio dedicato al Parmigiano Reggiano di montagna: il Consorzio ha infatti approvato le linee guida per assegnare la denominazione “prodotto di montagna” al formaggio realizzato secondo una serie di condizioni alquanto stringenti, che delineano però un prodotto di altissima qualità. Crediamo che su questa partita davvero si giochi una parte importante del futuro della produzione agroalimentare dell’Appennino. La Fiera poi rimane ovviamente anche una grandissima festa per il paese, ed in generale abbiamo scelto di incrementare l’attenzione all’agroalimentare di qualità, anche per quanto riguarda il mercato e gli espositori presenti: l’evento in sostanza si lega più strettamente al buon cibo, in primis ai prodotti dell’Appennino ma non solo. Saranno infatti presenti diversi produttori aderenti a Campagna Amica, ed in generale diversi espositori con prodotti di alta qualità, molti della montagna, ma anche produttori ospiti che comunque presentano alimenti di grande interesse e fortemente legati alla tradizione. Saranno in particolare protagonisti dell’area tematica Agricasina”.

“Non mancheranno – rimarca Afro Torri, coordinatore del Comitato Fiera – diversi eventi collaterali: abbiamo eventi musicali di alto livello, come un concerto gospel la sera di sabato 1 agosto, uno spettacolo teatrale con l’Associazione culturale Cinqueminuti domenica sera, 2 agosto, e il classico spettacolo pirotecnico lunedì sera, 3 agosto. Ma ci saranno anche tante attrazioni per i bambini, spettacoli dedicati alla cucina, momenti culturali e divulgativi. Tante di queste iniziative tra l’altro sono allestite in collaborazione con esercizi ed associazioni del paese, perché davvero a Casina la Fiera coinvolge un po’ tutti e per questo ringrazio tutti i volontari e le persone che sono alla base della qualità di questa manifestazione”.

Ha aggiunto poi Loretta Domenichini, del Consorzio Parmigiano Reggiano: “Per noi si tratta di una manifestazione importante: vi prendono parte ben 23 latterie, della zona di produzione da Bologna fino a Parma. Un momento di grande importanza sarà ad esempio il Palio delle latterie partecipanti, lunedì sera 3 agosto, che è un momento centrale per raccontare le differenze che caratterizzano il Parmigiano Reggiano delle diverse latterie, differenze che nascono dagli aspetti unici di ogni territorio”.