Viale Risorgimento, carabinieri in bici arrestano spacciatore

In manette un 32enne di Crotone che faceva le consegne in bicicletta: aveva con sé undici grammi di eroina

REGGIO EMILIA – Carabinieri in mountain bike arrestano spacciatore. Le segnalazioni arrivate in caserma riferivano di una cospicua attività di spaccio compiuta nella zona dell’Arcispedale Santa Maria Nuova da parte di un ragazzo che si muoveva in bici.

I militari sono quindi saliti in bicicletta anche loro e per giorni hanno pattugliato la zona sino al tardo pomeriggio di ieri, quando l’attenzione dei carabinieri ciclisti è stata rivolta a un giovane calabrese noto agli operanti per i suoi precedenti di polizia anche in materia di stupefacenti che, uscito da casa, è stato notato salire in sella alla sua bicicletta per poi allontanarsi in fretta. I carabinieri lo hanno visto parlare animatamente al cellulare e poi guardarsi attorno come se stesse cercando una persona con cui si era dato appuntamento.

A questo punto i carabinieri hanno fermato il 32enne di Crotone, residente a Reggio, in viale Risorgimento angolo via Codro e lo hanno controllato. E’ stato trovato in possesso di un involucro di cellophane nero che conteneva oltre undici grammi di eroina che nascondeva nella tasca posteriore destra dei pantaloni indossati dove peraltro aveva anche il cellulare.

Nello zaino i militari hanno trovato un taglierino e una confezione con una modica quantità di metadone. Dalla strada alla vicina abitazione il passo è stato breve: nel garage i carabinieri hanno trovato un bilancino di precisione. Per ricostruire l’eventuale giro di clientela, il cellulare è stato sequestrato per la successiva analisi della rubrica e l’identificazione delle persone che chiamavano continuamente il cellulare del 32enne.

Il 32enne è stato arrestato. Domani mattina comparirà davanti al tribunale di reggio Emilia per rispondere delle accuse a lui contestate.