Tifoso della Grissin Bon ubriaco tira fumogeno contro la prefettura

E' stato denunciato. Guai anche per Federico Zanni che, dopo aver provocato Sosa, ora rischia il Daspo

REGGIO EMILIA – Federico Zanni, l’imprenditore di 45 anni che ieri sera ha provocato la reazione del giocatore della Dinamo Sassari, Edgar Sosa, che poi si è beccato un fallo tecnico, rischia il Daspo. Lo dice il vicequestore Cesare Capocasa. Dopo i brutto gesto sul play dominicano Zanni è stato allontanato dal palazzetto dalla Digos che lo ha già sentito.

Agli investigatori ha detto di aver agito per provocare la reazione del giocatore e arrivare al fallo tecnico. Dalla questura aspettano ora la relazione dei colleghi di Sassari che avevano già allontanato Zanni dal Palaserradimigni perchè trovato in possesso di un coltellino.

Ma l’imprenditore 45enne non è l’unico tifoso della Grissin Bon ad avere perso la testa ieri. A finire nei guai è stato anche un tifoso 35enne di Boretto che nel dopopartita, completamente ubriaco, ha lanciato un fumogeno contro il portone della prefettura che poi ha pure preso a calci.

Il piantone ha allertato la Digos che è subito intervenuta. Il tifoso della Grissin Bon è stato denunciato per imbrattamento, danneggiamento e accensioni pericolose.