Litokol per il padiglione degli Emirati Arabi

L'azienda di Rubiera ha fornito prodotti tecnici per l’edilizia che hanno contribuito alla costruzione del padiglione realizzato da Tecton

Più informazioni su

RUBIERA (Reggio Emilia) – Litokol, l’azienda di Rubiera specializzata nella produzione di materiali per l’edilizia e decorazione d’interni, ha fornito adesivi e sigillanti per la realizzazione di alcune aree di uno dei padiglioni più visitati di Expo 2015, creato dallo studio londinese Foster+Partners e realizzato dalla reggiana Tecton Società Cooperativa. Con una superficie di 4.386 mq il padiglione “Food for Thought” degli Emirati Arabi prende ispirazione dal paesaggio degli Emirati Arabi Uniti e si avvale di tecnologie verdi e sostenibili.

Lo spazio del padiglione ha la forma di un canyon, lungo 140 metri, definito da setti e pareti curvilinee alte 12 metri. L’architettura evoca da un lato le strette strade pedonali delle città della penisola arabica e dall’altro le forme morbide e sinuose del deserto. Al termine di Expo Milano 2015, il padiglione degli Emirati Arabi Uniti sarà smantellato e riallestito ad Abu Dhabi, pertanto la progettazione ha dovuto tener conto sia delle condizioni generali di Milano sia di quelle della capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Litokol ha fornito il materiale per la posa di tutte le pavimentazioni e i rivestimenti del padiglione: adesivi cementizi ad alte prestazioni per la posa di piastrelle ceramiche e pietre naturali, idonei anche per sovrapposizioni e pavimenti riscaldanti. Inoltre sono stai utilizzati prodotti per l’impermeabilizzazione di ambienti umidi interni e per la scala interna che conduce dall’area show all’oasi.

Foster+Partners è uno degli studi di architettura e di design integrato tra i più innovativi al mondo e vanta una reputazione internazionale con presenza su sei continenti. Tecton ha impiegato otto mesi di lavoro ininterrotto, coinvolgendo 74 aziende, di cui 39 reggiane,  e oltre 280 uomini per realizzare un padiglione con un investimento complessivo di 60 milioni di euro, di cui 12 milioni di importo lavori prettamente edili.

John Blythe e Ronald Schuurmans dello studio Foster+Partners sono gli architetti che hanno progettato il padiglione “Food for Thought” degli Emirati Arabi, che Tecton Società Cooperativa ha invitato a Reggio Emilia il prossimo 11 giugno per una lectio magistralis a cui si sono dati appuntamento oltre 300 architetti provenienti da tutta Italia.

“Siamo molto soddisfatti di essere tra le 39 aziende reggiane che hanno contribuito alla realizzazione del padiglione degli Emirati Arabi di Expo 2015, – ha commentato Alessandro Turini , direttore commerciale di Litokol – completato da Tecton entro i termini previsti e in collaborazione con uno studio d’architettura di fama internazionale. Siamo anche fieri di accompagnare i nostri clienti, provenienti da tutto il mondo, a visitarlo e di poter dire che sotto i loro piedi ci sono prodotti Litokol”.

Più informazioni su