Gnaker, pro Grade la storica maratona di basket foto

Fino al 24 luglio torna a Reggio la 34a edizione dei tornei di pallacanestro. Il ricavato sarà devoluto a progetti di ricerca e assistenza del Reparto di Ematologia del Santa Maria Nuova

REGGIO EMILIA – Fino al 24 luglio torna a Reggio la 34^ edizione dei tornei di basket Gnaker – Cavalca 2015, la celeberrima maratona di basket reggiana che si svolge nel parco del Noce Nero alla Rosta Nuova, in città. Promossa dal Comitato Organizzatore di Gnaker, quest’anno il ricavato della manifestazione sarà a favore di Grade Onlus: l’obiettivo è contribuire alla raccolta fondi a favore dei progetti di ricerca e assistenza del Reparto di Ematologia dell’Arcispedale Santa Maria Nuova.

Il Memorial Cavalca vede in campo La Torre Reggio, Bmr Scandiano, Dilplast Montecchio e la Pallacanestro Novellara, mentre il Gnaker Senior ha le iscrizioni al completo. Giovedì partita di basket femminile, mentre giovedì 23 luglio è in cartellone un match di basket integrato. Mondo Vecchi venerdì condurrà il Gran Galà del basket reggiano, con palco tantissimi personaggi. Gran finale venerdì 24 alle 21, con festa e l’assegnazione della coppa “Gnaker senior”.

Dalla fine degli anni ’90, Gnaker è diventato una grande kermesse sportiva della città, un appuntamento atteso ogni anno e un punto di riferimento per i tanti appassionati della palla a spicchi che coinvolge l’intero territorio, dove tutte le espressioni del basket giocato potessero trovare adeguato spazio e privilegiando il basket giovanile, dal mini basket alle categorie under 17, che anche quest’anno troveranno spazio in campo sin dalle prime giornate.

Gnaker è anche solidarietà: in 34 edizioni, ha permesso di assegnare circa 200.000 euro di proventi a oltre 20 associazioni, onlus e volontariato di Reggio Emilia; questo grazie al contributo di sponsor, giocatori e arbitri che scendono in campo, senza dimenticare il Comitato provinciale della Federazione Italiana Pallacanestro e PM Interni, main sponsor della manifestazione da oltre 25 anni.
Gnaker nasce nel lontano 1980 grazie a un gruppo di amici giocatori mancati che hanno avuto il pregio di non prendersi sul serio. Fu una scommessa e un modo per far passare il mese di luglio che mancava alla partenza delle ferie: si pensò di organizzare un torneo coinvolgendo solo la categoria Senior, Amatori e fuori età di giocatori possibilmente abbastanza scarsi. Fu subito un trionfo, tanto che i problemi cominciarono quando le richieste si rivelarono eccessive rispetto alle disponibilità delle squadre.

Al Gnaker del primo ventennio si sono avvicendati e mescolati con ex giocatori dall’indubbio blasone, categorie professionali del basket, dello sport in genere e non solo. Tra i protagonisti, allenatori come Corrado Pizzi, Mondo Vecchi e Max Menetti, arbitri come Antonella Fabretti, primo arbitro donna a dirigere partite del campionato di serie A1, Paolo Taurino, primo arbitro attualmente impegnato nella direzione delle finali scudetto GrissinBon – Sassari, senza dimenticare il “Santone” Gian Matteo Sidoli; ma anche giornalisti come Lorenzo Dallari, da sempre sulle reti di SKY, Daniele Barilli, Tiziano Soresina, Angelo Costa, Ferruccio Landini, Maurizio Bezzecchi, Lorenzo Sani e tanti altri, medici come Gianbattista Camurri, Claudio Tedeschi, Ermanno Rondini, Claudio Davoli, Marco Ruini. Non sono mancati all’appello politici, pubblici amministratori, professionisti, semplici tifosi e appassionati di basket.