Arceto, si inaugura la nuova casa per anziani

Domani alle 16, in via Carrobbio, taglio del nastro del Centro Sanitario Belvedere intitolato a Don Francia si amplia per accogliere 25 nuovi ospiti

Più informazioni su

SCANDIANO (Reggio Emilia) – Grande festa al Centro Sanitario Belvedere di Via Carrobbio ad Arceto di Scandiano. Domenica alle 16, infatti, verrà inaugurato il rinnovato Centro residenziale per anziani intitolato a don Cesare Francia, figura storica della comunità che molto si è spesa per realizzare l’opera.

Il nuovo ampliamento è  stato voluto  dall’Associazione di volontariato onlus Progetto anziani Arceto e  dalla società Centro sanitario Belvedere, d’intesa con  la cooperativa sociale La Pineta, che opera nella struttura e in collaborazione con il distretto Asl di Scandiano e con il Comune di Scandiano per quanto riguarda il rispetto degli standar normativi relativi alla costruzione, alle autorizzazioni ed all’accreditamento degli ospiti.

L’investimento realizzato di 1.500.000  euro ha permesso un ampliamento della struttura esistente che aumenta la sua capienza  da tredici a trentatré posti letto nel Centro residenziale anziani,  la realizzazione di cinque nuovi mini alloggi protetti per anziani parzialmente autosufficienti per accogliere in totale altri sei ospiti e la riqualificazione della struttura presistente. Sono stati inoltre rinnovati gli arredi, ampliati gli spazi comuni ed attrezzati spazi verdi a disposizione degli ospiti.

Il taglio del nastro avverrà alle 16 alla presenza del sindaco del Comune di Scandiano Alessio Mammi, del presidente della Provincia Gianmaria Manghi, della consigliera regionale Ottavia Soncini e del presidente di “Progetto Anziani Arceto” Giorgio Manfredini. Con loro Lino Versace, presidente di Par.Co.spa, Eletta Bellocchio, direttrice dell’Ausl del distretto di Scandiano e Monica Venturi, presidente della Cooperativa Sociale La Pineta.

A seguire, ci sarà  la benedizione della struttura, con una funzione religiosa officiata da don Antonio Davoli dell’Unità Pastorale di Arceto-Cacciola. In seguito saranno anche ricordati don Ciro Montanari e il signor Denti con una targa commemorativa alla loro memoria, entrambe persone importanti e attive per la realizzazione del progetto, don Ciro per il suo impegno mentre il signor Denti ha dato la disponibilità affinché il terreno venisse  destinato alla  realizzazione della residenza per  anziani.

La giornata di festa proseguirà con la visita alla struttura e il rinfresco,  il concerto degli alunni della Scuola media statale “Vallisneri” e dalla Scuola di musica di Arceto diretto dalla professoressa Bartoli ed il gioco dei tappi. Sarà anche possibile ammirare la mostra pittorica a cura dell’Associazione Open Art di Scandiano.

Più informazioni su