Maltratta la famiglia, arrestato per la seconda volta

Perdonato dalla moglie torna a casa e riprende le violenze: nei suoi confronti è stata applicata la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA – Ubriaco, aggredisce i familiari: arrestato per la seconda volta per maltrattamenti in famiglia. E’ successo sabato scorso nella zona ovest della città dove le volanti della polizia sono intervenute per una violenta lite familiare. L’indirizzo era noto agli operatori  per i numerosi interventi effettuati e per un arresto con l’accusa di maltrattamenti in famiglia del capofamiglia.

All’inizio del 2014, infatti, l’uomo completamente ubriaco, in conseguenza di una banale discussione aveva aggredito brutalmente prima la moglie e poi il figlio intervenuto in difesa della madre, minacciandolo anche con un coltello. Tra il primo arresto ed oggi, mesi di arresti domiciliari ed obbligo di dimora nel suo paese di origine per allontanarlo dalla residenza dei suoi familiari, poi il perdono della moglie che lo rivuole in casa e, dunque, il ritorno alla violenza.

Sabato, ancora una volta ubriaco, l’uomo, dopo una banale discussione, si è avventato contro la nuora afferrandola per il collo e strattonandola. Solo con l’arrivo della moglie l’uomo mollava la presa sulla nuora e ha rivolto la sua rabbia contro la consorte bloccandola a terra e piegandole il braccio. La violenza dell’uomo si è placata solo con l’arrivo della volante chiamata da una delle nipoti che avevano assistito all’episodio.

Nei confronti dell’uomo è stata applicata la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Reggio Emilia.