Quantcast

Gibertini agli arresti domiciliari a casa della madre

Il giudice del tribunale del Riesame ha accolto l'istanza del suo avvocato difensore, Liborio Cataliotti

REGGIO EMILIA – Marco Gibertini, il giornalista finito in carcere all’interno dell’operazione Aemilia, è ai domiciliari a casa della madre a Rubiera. Il giudice del tribunale del Riesame ha accolto l’istanza del suo avvocato difensore, Liborio Cataliotti. Resta per ora in carcere, invece, Omar Costi, l’imprenditore reggiano anche lui dietro le sbarre dalla notte del 28 gennaio, pure lui in attesa di una risposta dal Riesame.

Gibertini era già finito in carcere la scorsa estate all’interno dell’operazione “Octopus” per 22 giorni. Poi aveva ottenuto gli arresti domiciliari. Il 49enne è considerato una delle figure-chiave in un giro di fatture fasulle da ben 33 milioni di euro.

A gennaio, poi, un nuovo arresto. Questa volta di mezzo c’è la ’ndrangheta e in campo c’è la Dda di Bologna. L’accusa è di associazione esterna: secondo gli investigatori avrebbe messo a disposizione degli ‘ndranghetisti le sue conoscenze politiche, imprenditoriali e nel mondo della stampa.