Cavazzoli, sospesa l’attività del bar Rondò

Il provvedimento del questore dopo una rissa: riaprirà martedì prossimo

REGGIO EMILIA – Il questore di Reggio, Isabella Fusiello, ha sospeso per cinque giorni, a partire da oggi, l’attività del bar Rondò di via Rinaldi a Cavazzoli che potrà riaprire, quindi, solo martedì prossimo.

Il provvedimento è scattato dopo una rissa avvenuta il 19 gennaio scorso quando era scoppiata una lite sfociata poi in un vero e proprio pestaggio da parte di sei cittadini italiani, ai danni di S.L., un ucraino già coinvolto nella lite al bar pochi giorni prima. Gli aggressori, alcuni dei quali gravati da precedenti di polizia, avevano chiuso l’ucraino in un cerchio e, armati di bastoni e mazze ferrate, gli avevano procurato un trauma cranico, guaribile in 30 giorni di prognosi.

Le indagini della squadra mobile hanno permesso di identificare e denunciare per lesioni aggravate i responsabili. Successivamente a questi episodi, sono stati effettuati altri tre interventi di polizia nel corso dei quali sono stati identificati numerosi avventori gravati da precedenti di polizia.

Dopo la rissa, gli accertamenti della questura, durante i quali la polizia ha scoperto che il bar è frequentato da diversi pregiudicati. Di qui la decisione di sospensione dell’attività, da oggi fino martedì.