Le rubriche di Reggiosera.it - Editoriali

Reggio Sera, uno sguardo sul futuro

Il nuovo giornale on line della vostra città che parlerà di economia, politica e cultura

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Nasce oggi un nuovo quotidiano on line nella nostra provincia. Si chiama Reggio Sera e sarà un web journal che tratterà principalmente le notizie di economia, politica e cultura cercando di approfondire le questioni più importanti che sono al centro delle vicende reggiane guardando anche alla cosiddetta area vasta che oramai va da Piacenza a Bologna.

Sarà dato spazio al dibattito con una categoria dedicata agli interventi in cui cittadini e politici potranno confrontarsi in una sorta di agorà digitale, ma, più in generale, Reggio Sera cercherà di scrivere delle principali notizie della nostra città con una predilezione per il mondo economico.

Nell’anno di Expo 2015, infatti, crediamo che la Mediopadana, vero e proprio gate di accesso a Milano e all’Europa, possa essere decisiva nel proiettare la nostra città in un panorama più ampio e dovrà essere compito del nostro mondo economico e imprenditoriale farsi carico di questa scommessa. Oltre che agli imprenditori, toccherà anche i politici che dovranno creare le condizioni per permettere all’economia reggiana di riprendersi dopo anni di crisi.

Ecco che quindi un riflettore sul mondo del lavoro e dell’economia, non disdegnando certo le principali notizie di cronaca, si rivela quanto mai necessario per capire e comprendere al meglio le grandi sfide tecnologiche e culturali che si trova ad affrontare la nostra provincia. Reggio Sera ci sarà, al fianco dei lavoratori, del mondo sindacale, delle associazioni di categoria e delle imprese.

Vi racconterà, in modo indipendente, quello che non va e quello che funziona nel modello reggiano e terrà il conto delle promesse mantenute e mancate dal mondo politico. Darà spazio alle vostre opinioni e ai vostri commenti e vi terrà informati sui principali avvenimenti di questa città con predilezione per gli eventi e la cultura.

Buona lettura a tutti.

Più informazioni su