Reggiosera.it - Notizie da Reggio Emilia - Notizie da Reggio Emilia

Iren, acquisto di Acam La Spezia in gennaio

I Comuni spezzini dovrebbero arrivare a una quota tra l’1% e l’1,5% della controllante, a fronte di una disponibilità che sarebbe stata fornita dai soci storici (Genova, Torino e Reggio Emilia) di accoglierli nel patto di sindacato, concedendo loro anche un posto nel nuovo cda

REGGIO EMILIA – Iren velocizza i tempi sull’acquisto di Acam La Spezia, multitutility ligure controllata al 100% dai Comuni locali e specializzata nella filiera ambientale e sul ciclo idrico. Si prevede che il pacchetto di controllo sarà ceduto presto al gruppo guidato da Massimiliano Bianco: entro Natale potrebbe arrivare il via libera delle amministrazioni più “pesanti” nell’azionariato, funzionale alla firma di un accordo vincolante.

L’offerta di Iren è di circa 60 milioni di euro ed è mista, cioè in parte cash e in parte con azioni della stessa Iren, che come noto ha già deliberato e “pronto per l’uso” un aumento di capitale fino al 3% per operazioni di M&A, (merger&acquisition), cioè operazioni di fusione e acquisizione di società. In questo caso i Comuni spezzini dovrebbero arrivare a una quota tra l’1% e l’1,5% della controllante, a fronte di una disponibilità che sarebbe stata fornita dai soci storici (Genova, Torino e Reggio Emilia) di accoglierli nel patto di sindacato, concedendo loro anche un posto nel nuovo cda.

Acam, che ha un margine operativo lordo attorno a 30 milioni di euro e debiti per 140 milioni, rappresenterebbe così un nuovo tassello della politica di espansione di Iren, che punta a fare da motore per l’aggregazione nei territori di riferimento.

L’operazione dovrebbe concretizzarsi all’inizio del prossimo anno. Infatti, dopo il bando per “l’individuazione di un operatore economico per l’attuazione della procedura di aggregazione societaria” emesso a marzo da Acam, a cui Iren ha risposto lo scorso maggio, i soci dell’azienda ligure hanno avviato un’ulteriore fase deliberativa. Chiedendo cioe’ nell’assemblea di oggi ai Comuni soci di riunire i rispettivi Consigli comunali per esprimersi, entro la fine dell’anno, sul progetto di fusione. In caso di risposta affermativa degli enti locali, il Consiglio di amministrazione di Iren ratifichera’ l’aggregazione entro il 15 gennaio 2018.