Reggiosera.it - Notizie da Reggio Emilia - Notizie da Reggio Emilia

Rapina all’ufficio postale di Calerno, quattro arresti

Sono quattro foggiani finiti in manette per una rapina compiuta all'ufficio postale di Calerno nel giugno scorso. I carabinieri pensano che abbiano compiuto anche altri colpi del genere

S. ILARIO (Reggio Emilia) – Una banda di presunti rapinatori pendolari è stata smantellata dai carabinieri e quattro foggiani sono stati arrestati. E’ il bilancio dell’operazione Post Office (così denominata dalla preferenza degli obiettivi presi di mira dagli indagati).

Gli arrestati, per una rapina compiuta all’ufficio postale di Calerno il 22 giugno scorso, tutti accusati di concorso in rapina aggravata, sono Michele Depalma, 46 anni, Giacomo Depalma, 21 anni (rispettivamente padre e figlio), Domenico Pilato, 27 anni e Paolo Tiano, 30 anni, tutti residenti a Cerignola (Foggia). I militari stanno accertando la loro eventuale responsabilità per altri colpi commessi in Emilia-Romagna ed altre Regioni del territorio nazionale.

A colpire il 22 giugno giugno scorso sarebbero stati Domenico Pilato e Paolo Tiano che, con il volto travisato da passamontagna, dopo aver fatto irruzione all’interno dell’ufficio postale, avrebbero terrorizzato i presenti con urla e minacce. I due sarebbero quindi passati alle vie di fatto con la direttrice, strattonandola ripetutamente per farle aprire la cassaforte, per poi rinchiuderla in un locale vicino alla camera blindata. Avrebbero preso i 1500 euro e guadagnato la via di fuga con un’auto che sarebbe stata condotta da un complice che li attendeva nei pressi (Giacomo Depalma), con a bordo il palo (Michele Depalma).

Gli sviluppi investigativi hanno permesso di appurare che la Lancia Delta usata per la rapina sarebbe stata usata da Michele Depalma. Sono state esaminate anche le presenze in strutture alberghiere nei mesi precedenti che avrebbero attestato i pernottamenti in provincia dei Depalma per i sopralluoghi e di tutto il gruppo poco prima della rapina.

Le ricognizioni fotografiche eseguite con i testimoni rintracciati dai carabinieri hanno avvalorato ulteriormente i riscontri a carico dei quattro presunti rapinatori che dopo il delitto, si davano alla fuga dividendosi tra Autostrada e vie secondarie, per poi ricongiungersi a Cerignola.

Il plauso del sindaco Moretti
“La notizia dell’arresto dei malviventi che hanno compiuto la rapina di Calerno conferma l’importanza delle dotazioni tecnologiche messe a disposizione delle FFOO dagli enti locali. La rete di telecamere messa in campo in questi anni e continuamente implementata costituisce ormai uno strumento essenziale ai fini investigativi. Un plauso personale ai militari di Sant’Ilario ed al loro Comandante che rappresentano un presidio radicato nel territorio, disponibile a cogliere e valorizzare le forme di collaborazione con i cittaduno e con le altre istituzioni. Una garanzia nella prevenzione e repressione dei reati.”