Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 32694 del 10/08/2017 - 21:11

Controlli a tappeto, 300 veicoli fermati e 4 patenti ritirate per alcol

La Municipale di Quattro Castella, Vezzano e Albinea durante i controlli ha trovato un automobilista senza patente, senza revisione e senza assicurazione

Polizia stradaleControlli polizia stradale

QUATTRO CASTELLA (Reggio Emilia) - Sono iniziati e continueranno per tutta l’estate i servizi notturnie i controlli della Polizia municipale della “Unione Colline Matildiche”, concentrati in particolari nei fine settimana. Dall’inizio dell’estate sono stati più di 300 i veicoli fermati e controllati con cinque patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza a quattro automobilisti maschi e una donna. I servizi, svolti in collaborazione con le associazioni di assistenza e soccorso, si svolgono sulle strade del territorio che comprende i comuni di Quattro Castella, Albinea e Vezzano.

Senza revisione, senza assicurazione e senza patente. E’ un caso limite quello in cui si sono imbattuti gli agenti lo scorso 22 luglio a Quattro Castella. Avvicinatisi ad una vecchia Fiat Punto, ferma in divieto di sosta in piazza Dante, gli agenti hanno infatti accertato una tripla irregolarità: il divieto di sosta, l’assenza di assicurazione e la mancata revisione del veicolo. In particolare, l’auto risultava sprovvista di assicurazione dal 2011, mentre l’ultima revisione risaliva addirittura al 2009.

Ma le “sorprese” non erano ancora finite. Mentre infatti i vigili aspettavano l’arrivo del carro attrezzi, sopraggiungeva sul posto l’automobilista. Alla domanda di mostrare la patente di guida, l’uomo rispondeva che non la possedeva. Si è così scoperto che l’uomo, un 40enne di origine indiana residente a Spilamberto, non aveva la patente. Nonostante fosse da 7 anni in Italia, l’uomo ha sostenuto con gli agenti di non aver mai avuto la patente di guida.
La guida senza patente comporta ora una sanzione amministrativa di 5.000 euro che, sommati agli 800 della mancata assicurazione, ai 350 della mancata revisione e ai 30 del divieto di sosta, portano la multa a superare la cifra complessiva di mila euro.

Nei giorni successivi si è scoperto che l’uomo lavora in un’azienda agricola di Quattro Castella.  Accompagnato nella sede della Polizia municipale dal suo datore di lavoro, un cittadino castellese, l’uomo si è mostrato sinceramente dispiaciuto offrendo da subito la massima collaborazione saldando già il dovuto per l’omessa revisione e l’assicurazione, oltre che per la demolizione del mezzo. Si è impegnato al pagamento della sanzione per la mancanza di patente di guida che verrà saldata con rateizzazione mensile dell’importo dovuto.