Reggiosera.it - Notizie da Reggio Emilia - Notizie da Reggio Emilia

Migranti, allarme Unicef: “Con codice Ong a rischio vite bimbi”

"Priorità su sicurezza rischia ostacoli a soccorsi", sostiene l'Unicef. A Bruxelles, intanto, il Consiglio Esteri. Kurz: "Se visti umanitari, chiudiamo Brennero. Ipotesi assurda, non allevierebbe peso per Italia e Grecia"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il nuovo codice di condotta per le Ong proposto dal governo italiano mette “molte vite a rischio”, soprattutto “vite di bambini”. Lo sostiene l’Unicef in un comunicato diffuso a New York e Ginevra, spiegando che la “priorità sulla sicurezza rischia di mettere ostacoli ai soccorsi”. L’Unicef ha peraltro riconosciuto “gli incredibili sforzi fatti dall’Italia fin dall’inizio della crisi per salvare profughi e migranti e offrire appoggio a quanti hanno raggiunto le sue coste”.

L’Unicef osserva che il codice di condotta mette la priorità sul ‘law enforcement’, limitando allo stesso tempo il movimento e le operazioni delle unità navali delle Ong impegnate nel Mediterraneo centrale: “Cambiamenti che potrebbero inavvertitamente ostacolare i soccorsi e provocare la perdita di vite umane”, sostiene l’organizzazione mondiale per l’infanzia, il cui vice direttore esecutivo Justin Forsyth ha peraltro riconosciuto “gli incredibili sforzi fatti dall’Italia fin dall’inizio della crisi per salvare profughi e migranti e offrire appoggio a quanti hanno raggiunto le sue coste”. L’Italia “dovrebbe essere applaudita per questo”, ha detto Forsyth: “Allo stesso tempo gli obiettivi di sicurezza e law enforcement – non importa quanto giustificabili – non devono inavvertitamente impedire di salvare bambini dal rischio di affogare”.

Intanto a Bruxelles Consiglio degli Esteri con al centro la questione migranti. L’ipotesi che l’Italia possa concedere visti umanitari per i migranti “sarebbe assurda perché se le gente potesse passare, sempre più gente arriverebbe e questo non allevierebbe il peso per Italia e Grecia” e comunque l’ipotesi “non è stata discussa oggi” nel Consiglio esteri dove “non è stata fatta alcuna dichiarazione in questo senso”. Lo ha detto il ministro austriaco, Sebastian Kurz, specificando: “Se la cosa venisse fatta, proteggeremmo la frontiera del Brennero. Di certo non permetteremmo che la gente possa liberamente andare a nord”.

“La concessione di visti umanitari dall’Italia a migranti è inaccettabile. In caso di introduzione, introdurremmo subito i controlli al Brennero”, ha detto il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka durante un sopralluogo al valico italo-austriaco. “I visti umanitari sono una questione europea e di certo non italiana”, ha aggiunto il ministro. Secondo Sobotka, il numero di migranti intercettati in Tirolo “attualmente è ancora stabile, ma la pressione aumenta e dobbiamo essere pronti”.

“Anche se il Brennero è un luogo simbolo, l’Austria è pronta ad introdurre controlli se l’Europa non dovesse rispondere”, secondo il governatore tirolese Guenther Platter durante il sopralluogo al Brennero. “Una situazione come quella del 2015 non deve ripetersi. Per questo motivo saranno aumentati i controlli nell’hinterland del passo”, ha aggiunto Platter. Sarà aumentato il numero di poliziotti sul versante austriaco del valico. Il ministro Wolfgang Sobotka ha annunciato che la settimana prossima incontrerà a Roma il ministro Marco Minniti.

Più informazioni su