Reggiosera.it - Notizie da Reggio Emilia - Notizie da Reggio Emilia

Vecchi: “Scissione PD? Una gigantesca cazzata politica”

Il sindaco di Reggio ha scritto un documento di sostegno, insieme ad altri amministratori, alla linea Renzi: "Consegnerebbe il Paese in mano a Destre e M5S: non gioverebbe a nessuno"

REGGIO EMILIA – La scissione del Pd? “Una gigantesca cazzata dal punto di vista politico che riconsegnerebbe il Paese in mano alle destre e al Movimento 5 stelle, riporterebbe le lancette della storia del centrosinistra indietro di 10 anni, non gioverebbe a nessuno e non e’ quello che chiede il nostro popolo del centrosinistra”.

Lo afferma il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, che insieme ad altri amministratori locali di provenienza Ds ha sottoscritto un documento di sostegno alla linea di Matteo Renzi e per scongiurare l’ipotesi di scissione del Partito democratico. “Ho sottoscritto questo documento perche’ sento di interpretare un sentimento diffuso: la gente non mi chiede per strada di fare la scissione del Pd, ma di dire a Roma di stare uniti. Credo che questa sia la necessita’ che il nostro popolo ci chiede e che i dirgenti nazionali devono saper cogliere anche dentro l’animosita’ dello sconto in atto”, aggiunge il primo cittadino.

Il Pd “credo vada unito e allargato nel contesto del piu’ ampio centrosinistra sul modello di quelle stagioni che, tanto in ambito locale a Reggio Emilia quanto in ambito nazionale, ci hanno portato successi importanti. Da questa terra e da questa citta’ che e’ anche un po’ la capitale morale del riformismo emiliano, penso ci siano tutte le condizioni per mandare un messaggio anche di speranza”. E cioe’ “che qui c’e’ un centrosinistra che ha fatto perno sul Pd e ha provato ad allargare a componenti piu’ moderate e ad altre di maggiore radicalita’ a sinistra. Questa credo che sia la strada da seguire per cercare di offrire a questo Paese un governo riformista che si contrapponga ai populismi”.

Infatti, conclude Vecchi, “l’alternativa a Renzi non e’ una soluzione piu’ a sinistra ma i populismi alla Trump e alla Le Pen che stanno colpendo al cuore e indebolendo profondamente il sistema democratico del mondo occidentale: e’ questo il tipo di riflessione che dobbiamo portare avanti, con cui confrontarci nei prossimi mesi” (fonte Dire).