Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 24690 del 07/01/2017 - 14:47

Prolusione su Tricolore finisce nel mirino del M5S

Su incarico da 5mila euro per discorso di Galli Della Loggia i pentastellati annunciano un ricorso alla Corte dei conti. Interpellanza del consigliere Bassi

Ernesto Galli Della LoggiaErnesto Galli Della Loggia

REGGIO EMILIA – Finira’ sul tavolo della Corte dei Conti l’incarico da 5.000 euro assegnato dal Comune di Reggio a Ernesto Galli della Loggia, per la prolusione sui valori della bandiera nazionale prevista nell’ambito della festa del Tricolore.

L’annuncio arriva oggi, nel giorno della visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in citta’ per il 220esimo anniversario della bandiera, dal capogruppo comunale del Movimento 5 stelle Ivan Cantamessi che preannuncia un esposto alla magistratura contabile.

“Come rovinare la Festa del Tricolore? Il Comune di Reggio ci e’ riuscito: 5.000 per 30 minuti di intervento sono indubbiamente uno schiaffo morale a interinali pagati nove euro l”ora o a giornalisti-collaboratori freelance (precari) che guadagnano 5-6 euro ad articolo”, afferma il consigliere.

“Sono soldi totalmente sprecati da parte del Comune di Reggio Emilia”. Per questo, chiude Cantamessi, “Segnaleremo la delibera firmata dal dirigente Massimo Magnani alla Corte dei Conti per opportune valutazioni”.

L’avvocato Claudio Bassi, consigliere comunale di Forza Italia, ha presentato un’interpellanza per “conoscere quali siano state le determinazioni della giunta comunale nello scegliere il professor della Loggia, per la prolusione innanzi il Signor Presidente della Repubblica e le ragioni di un compenso per tale intervento, considerato il momento di ristrettezza economica delle  finanze pubbliche e se la giunta comunale, alla luce di tale ipotizzato rilevante compenso, abbia richiesto ad altre  autorevoli personalità, anche  reggiane, di svolgere gratuitamente tale prolusione,  al fine  di destinare detta risorsa  finanziaria,  per altri scopi in favore della collettività reggiana”.