Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 24969 del 14/01/2017 - 15:34

Papa con Abu Mazen: nuovi negoziati diretti per la pace

Presidente palestinese è a Roma per inaugurare l'ambasciata presso la Santa Sede. Colloquio privato col Papa di 23 minuti

PapaIl Papa con il presidente palestinese Abu Mazen

REGGIO EMILIA – Per il “processo di pace in Medio oriente” “speranza che si possano riprendere i negoziati diretti tra le Parti per giungere alla fine della violenza che causa inaccettabili sofferenze alle popolazioni civili e ad una soluzione giusta e duratura”. Auspicio che, “con il sostegno della Comunità internazionale, si intraprendano misure che favoriscano la reciproca fiducia e contribuiscano a creare un clima che permetta di prendere decisioni coraggiose in favore della pace”. Li hanno espressi il Papa e Abu Mazen.

E’ durato 23 minuti il colloquio privato, alla presenza dell’interprete, tra il Papa e il presidente palestinese, Abu Mazen. “E’ un piacere riceverla”, ha detto papa Bergoglio al suo ospite sulla soglia della biblioteca; “anche io sono contento di essere qui”, ha replicato il presidente. Al momento della presentazione del seguito, un giovane palestinese ha offerto al Papa una maglietta di calcio con i colori della Palestina, ha detto qualcosa sul San Lorenzo, la squadra argentina per cui tifa il Papa, che si è messo a ridere. Il giovane ha anche spiegato che sua moglie è argentina. Abu Mazen ha donato al Pontefice una pietra proveniente dal Golgota, una icona raffigurante il volto di Gesù, una icona raffigurante la Sacra famiglia, un documentario sulla ristrutturazione della basilica della Natività e un libro sulle relazioni tra Santa Sede e Palestina. Il Papa ha ricambiato con la medaglia dell’anno giubilare, e copie in arabo della “Amoris laetitia” e della “Laudato sii”.

La sala stampa vaticana informa sui colloqui, definiti “cordiali”, tra il presidente dello Stato di Palestina, Abu Mazen e il Papa, e tra il presidente e il segretario di Stato, Pietro Parolin, accompagnato da mons. Paul Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.

“Nel corso dei cordiali colloqui – spiega il comunicato della sala stampa – si sono rilevati anzitutto i buoni rapporti esistenti tra la Santa Sede e la Palestina, suggellati dall’Accordo globale del 2015, che riguarda aspetti essenziali della vita e dell’attività della Chiesa nella società palestinese. In tale contesto, si è ricordato l’importante contributo dei Cattolici in favore della promozione della dignità umana e in aiuto dei più bisognosi, particolarmente nei campi dell’educazione, della salute e dell’assistenza”.

“Ci si è quindi soffermati – prosegue la nota – sul processo di pace in Medio Oriente, esprimendo la speranza che si possano riprendere i negoziati diretti tra le Parti per giungere alla fine della violenza che causa inaccettabili sofferenze alle popolazioni civili e ad una soluzione giusta e duratura. A tale scopo, si è auspicato che, con il sostegno della Comunità internazionale, si intraprendano misure che favoriscano la reciproca fiducia e contribuiscano a creare un clima che permetta di prendere decisioni coraggiose in favore della pace”. Infine “non si è mancato di ricordare l’importanza della salvaguardia del carattere sacro dei Luoghi Santi per i credenti di tutti e tre le religioni abramitiche. Particolare attenzione è stata infine dedicata agli altri conflitti che affliggono la Regione”.

“Ho incontrato Sua Santità. Il Vaticano ha riconosciuto completamente la Palestina come stato indipendente, spero che altri stati prendano esempio dalla Santa Sede”. Così Abu Mazen dopo il suo incontro con Papa Bergoglio. Il presidente palestinese è a Roma per inaugurare l’ambasciata presso la Santa Sede.