Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 24943 del 13/01/2017 - 18:59

Giove, un reggiano alla guida della Cgil regionale

Di fronte alla Camusso succede a Colla. "Quei due referendum li vogliamo vincere, vogliamo riscattare i lavoratori di questo Paese"

GioveLuigi Giove con Susanna Camusso oggi all'Unipol auditorium

REGGIO EMILIA – “Quei due referendum li vogliamo vincere, vogliamo riscattare i lavoratori di questo Paese. La campagna elettorale inizia, da domani tutti al lavoro”. Sono queste le prime parole del barese, ma reggiano d’adozione Luigi “Gino” Giove da neo segretario della Cgil Emilia-Romagna. Giove oggi all’assemblea del sindacato all’Unipol auditorium di Bologna riceve il testimone da Vincenzo Colla, nella Cgil regionale dal 2002 e fresco di promozione nella segreteria nazionale alla pari della segretaria uscente della Camera del lavoro di Modena, Tania Scacchetti.

Il tutto di fronte a Susanna Camusso, salita a Bologna per prndere parte sul palco ai lavori odierni in via Stalingrado. Il piu’ emozionato di tutti e’ proprio Colla, che “i compagni” del sindacato festeggiano citando in una slide tutti i suoi “neologismi”, sfoderati in questi anni agli interventi ufficiali e diventati celebri per gli appassionati delle assemblee. Mentre in sala oggi si proiettano i video dell’assemblea Cgil del gennaio 2016, quando Colla avvio’ l’offensiva contro il governo sui temi del lavoro, i riflettori puntano ora sul successore. Proprio i due referendum rimasti, dopo la bocciatura della Consulta sul quesito dell’articolo 18, anche per il barese (di origine) Giove rappresentano dunque la priorita’ delle priorita’ attualmente.

Giove, riporta ufficialmente il sindacato, e’ stato eletto con questi risultati: 230 votanti su 309 aventi diritto; 209 favorevoli (il 90,1% dei votanti), 16 contrari (il 6,9%) e cinque astenuti. Giove subentra quindi a un Colla che ha diretto la Cgil Emilia-Romagna (dal 2002 ne era responsabile organizzativo) dal 5 luglio 2010 al 29 novembre 2016, quando ha assunto l’incarico di segretario confederale nazionale. Giove (nato a Gravina in Puglia nel luglio del 1971, diploma tecnico commerciale, eletto in Rsu alla Sensient Food Colors di Reggio Emilia) dice tra l’altro che “la nostra ambizione e’ quella di riportare il lavoro al centro”.

Il lavoro “non e’ solo salario, ma prima di tutto dignita’ della persona umana. Con questo spirito, nel complimentarmi per la sua elezione come segretario della Cgil Emilia-Romagna, rivolgo a Luigi Giove i migliori auguri di buon lavoro per una sfida difficile e avvincente”. Cosi’, Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, commenta l”elezione del nuovo numero uno della Cgil regionale. Saliera ha parole di ringraziamento e di stima anche per Vincenzo Colla, il segretario uscente: “In questi anni ho avuto modo di apprezzare e stimare il suo senso delle istituzioni, l’impegno per, nel rispetto dei reciproci ruoli, la collaborazione con le Istituzioni e le altre parti sociali”.