Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 23382 del 30/11/2016 - 19:15

Salus Hospital, cardiochirurgia d’eccellenza

Nuovi investimenti nell'ospedale con la terapia intensiva e la nuova tecnologia operatoria. Il reparto di Cardiochirugia inserito tra i primi centri europei per la terapia mininvasiva sulla valvola mitrale

SalusLa terapia intensiva

REGGIO EMILIA – Anche Salus Hospital di Reggio Emilia, Ospedale ad Alta Specialità GVM Care & Research è tra i 10 centri cardiochirurgici europei scelti come struttura-scuola destinata a favorire la conoscenza e diffusione della tecnica Neochord, metodica utilizzata nella riparazione della valvola mitrale senza aprire il cuore, senza interrompere il normale ciclo cardiaco e senza dover ricorrere alla circolazione extracorporea (CEC).

Ora Salus Hospital aggiunge il nuovo reparto di Terapia Intensiva: otto posti letto a monitoraggio individualizzato, uno dei quali collocato all’interno di un peculiare box d’isolamento riservato a degenti con problematiche infettive. Inoltre alla Terapia Intensiva l’ospedale affianca il potenziamento dei sistemi di telemetria per il controllo clinico di coloro, non solo i pazienti cardiologici, che pur non necessitando più della stretta sorveglianza medica 24 ore su 24, devono affrontare un ulteriore periodo di post-intervento utile a ristabilire in pieno le normali funzioni fisiologiche.

Va in questa direzione anche la recente acquisizione dell’innovativo sistema video modulare IMAGE1S. Il sistema, utilizzato soprattutto in cardiochirurgia mininvasiva – con una protezione da defibrillazione che lo rende idoneo in tutte le procedure cardiochirurgiche – semplifica il lavoro dell’équipe specialistiche offrendo una visualizzazione, in più modalità, del campo operatorio tramite immagini ad altissima definizione (Full HD). Ed è proprio questa caratteristica, sviluppata con software dedicati, a dare a questo “sistema endoscopico” di ultima generazione il massimo aiuto possibile al chirurgo, ingrandendo la zona su cui si interviene così da garantire il paziente con interventi eseguiti (sempre) in piena sicurezza, ottenendo esiti terapeutici ottimali rispetto alla patologia trattata.

L’attività d’eccellenza svolta in campo cardiochirurgico da Salus Hospital si riflette nei dati dell’ultimo quadriennio (a partire dal 2013) e disponibili fino al 31 luglio 2016. Oltre milletrecento gli interventi complessivi: più del 60% su pazienti uomini (il 65% dei pazienti totali – uomini e donne – ha più di 65 anni), per una degenza ospedaliera media pari a 12 giorni.

Tags: