Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 23126 del 23/11/2016 - 17:53

Merce contraffatta, sequestri della polizia municipale

Era destinata alla fiera di Santa Caterina a Guastalla e Scandiano e a quella di San Prospero a Reggio. A finire nei guai due cittadini senegalesi irregolari

merceLa merce contraffatta sequestrata

GUASTALLA (Reggio Emilia) – Ha dato subito i primi frutti il piano provinciale di prevenzione al commercio abusivo e alle contraffazioni voluto da Prefettura, istituzioni e forze dell’ordine. La messa in campo di una serie di misure preventive per bloccare sul nascere l’arrivo dei venditori abusivi in vista delle imminenti fiere di San Prospero a Reggio Emilia e di Santa Caterina a Guastalla e a Scandiano ha permesso di scoprire l’attività irregolare di due cittadini di nazionalità senegalese tra Brescello e Guastalla.

Gli agenti del Corpo di polizia municipale “Bassa reggiana”, nell’esercitare azioni di bonifica prima degli eventi per sequestrare la merce già arrivata e bloccare l’arrivo degli ambulanti ha sequestrato ai due soggetti (nel corso di una perquisizione domiciliare) 330 pezzi di merce contraffatta: 98 portafogli, 71 paia d’occhiali, 15 cinture, 40 articoli di bigiotteria, 4 borse, sciarpe e guanti delle marche più famose, tutte rigorosamente false (da Liu-Jo a Dolce e Gabbana, da Gucci a Ray Ban e molte altre).

I due ambulanti sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria e a loro carico verrà avviato il procedimento di espulsione. Si ricorda inoltre che, secondo le disposizioni del Comitato dell’ordine e della sicurezza pubblica, gli agenti porranno particolare attenzione anche ai compratori. Chi viene sorpreso ad acquistare merce contraffatta rischia infatti fino a 300 euro di multa.