Le notizie di
reggiosera.it
Articolo n° 23338 del 29/11/2016 - 19:05

Grande partecipazione al progetto di Legacoop “Bellacoopia University”

All’iniziativa, realizzata con l’Università di Modena e Reggio Emilia, partecipano 130 studenti universitari

Bellacoopia

REGGIO EMILIA – Si è tenuta nei giorni scorsi, presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, la presentazione del progetto Bellacoopia University, promosso da Legacoop Emilia Ovest in collaborazione con i Dipartimenti di Comunicazione ed Economia, Scienze e Metodi dell’Ingegneria, Scienze della Vita, Educazione e Scienze Umane dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Il successo di questa quarta edizione di Bellacoopia University è eccezionale: sono infatti 130 gli studenti universitari che parteciperanno al progetto.

Bellacoopia University nasce con l’obiettivo di favorire la conoscenza del sistema cooperativo, trasmettendo agli studenti i valori di socialità, mutualità, imprenditorialità e impegno civile. L’intento è di mostrare un modo alternativo di fare impresa, dove le capacità personali vengano valorizzate in una struttura societaria, la cooperativa, in cui gli individui divengono protagonisti ed in cui la vocazione imprenditoriale può svilupparsi in un contesto arricchente e stimolante.

Il primo incontro, affollatissimo, ha visto la presentazione del percorso a cura del responsabile del progetto, Daniela Cervi di Legacoop Emilia Ovest. E’ poi seguita la lezione di Mauro Mazzoleni, dell’Università di Brescia, economista esperto di strategia d’impresa e profondo conoscitore dell’economia cooperativa. Mazzoleni ha stimolato gli studenti portando suggestioni sull’impresa cooperativa, i sui valori, i suoi principi, il suo operare nel mercato attuale.

Nei prossimi incontri agli studenti che partecipano al progetto verranno presentate le specificità del fare impresa in forma cooperativa, ma anche esperienze e testimonianze aziendali in grado di fornire utili spunti per il loro percorso di carriera nel mondo del lavoro. Sarà infatti richiesta, al termine della sessione formativa, la presentazione di un progetto embrionale d’impresa che sarà sviluppato congiuntamente dagli studenti e dalle cooperative tutor.